• Home / CALABRIA / Cinema, “Terra Mia” al Reggio Calabria Film Fest, legalità e cultura al centro della kermesse

    Cinema, “Terra Mia” al Reggio Calabria Film Fest, legalità e cultura al centro della kermesse

    “La lotta alla criminalità organizzata parte dalla denuncia; nessun uomo deve sottostare ai ricatti ed estorsioni che mafia, ndrangheta e camorra impongono” – queste le parole di Ambrogio Crespi, il regista del docufilm che sarà presentato alla 14^ edizione del Reggio Calabria Film Fest, la kermesse cinematografica sulla punta dello Stretto, il prossimo 27 Agosto 2020.
    La pellicola, già vincitrice della 73^ edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno, raccoglie le testimonianze di chi ha subito minacce dalle mafie “Benedetto Zocccola, Gaetano Saffioti, Michele Inserra, non vogliono essere chiamati eroi, ma lo sono. Denunciando, hanno avuto coraggio, anteponendo la loro libertà alla legalità. Oggi vivono sotto scorta” – prosegue Crespi – “Le loro storie sono forti, come anche quelle di Mimma Cacciatore, preside coraggio che ha portato amore e legalità tra i banchi della scuola di San Luca, paese iconico per la strage di Duisburg, il cuore pulsante della ndrangheta e i racconti del comandante dei Carabinieri Cosimo Sframeli, che è stato 40 anni in servizio sull’Aspromonte” conclude il regista.
    Terra Mia è un viaggio in queste magnifiche terre spesso contaminate dalla criminalità. Un grido di speranza contro mafia, ndrangheta e camorra. Un appello alla legalità, alla cultura, un messaggio positivo per i giovani affinché possano prendere coscienza della possibilità di scegliere il proprio cammino di vita ed il proprio futuro, perché citando le parole di Don Luigi Merola, protagonista del film “nessun bambino nasce criminale”.