• Home / CALABRIA / Associazione di Operatori turistici montani Gambarie Attiva: “Quando riapriranno gli impianti di risalita?”

    Associazione di Operatori turistici montani Gambarie Attiva: “Quando riapriranno gli impianti di risalita?”

    Di seguito la lettera la lettera aperta da parte dell’Associazione di Operatori turistici montani “Gambarie Attiva” 

    Alla cortese attenzione

    della Presidente della Regione Calabria Dott.ssa Jole Santelli

    dell’Assessore al Turismo Dott. Fausto Orsomarso.

     

    “Quando riapriranno gli impianti di risalita di Gambarie?”. Questa è la domanda che si pongono gli operatori commerciali ed i turisti della località turistica al centro del massiccio aspromontano.

     

    Gli impianti erano stati fermati, giustamente, dal primo dpcm al fine di evitare il propagarsi dell’epidemia, ma da allora la situazione è totalmente cambiata.

    I contagi in Calabria sono molto contenuti e sopratutto le stesse disposizioni governative hanno stabilito, ormai da più di un mese, la possibilità per le regioni di valutare aperture progressive in relazione allo stato dei contagi del Covid. Ricordiamo anche che in questi mesi, il Coronavirus non ha mai lambito il comprensorio di Gambarie.

     

    Da qualche settimana il Comune di Santo Stefano ha avanzato formale richiesta alla Regione Calabria affinché siano valutate le condizioni per la riapertura degli impianti di risalita che, come è noto, anche durante il periodo estivo, accolgono ogni giorno centinaia di turisti.

     

    Siamo assolutamente consapevoli che in questa fase di ripartenza post Covid sia necessario agire con estrema prudenza, mettendo sempre al primo posto la salute pubblica. Ma bisogna anche tener conto delle necessità di una effettiva ripartenza, nelle condizioni di maggiore sicurezza possibile.

    Siamo convinti che la Regione Calabria dovrebbe valutare la riapertura degli impianti di risalita, ovviamente con le necessarie ed opportune precauzioni.

     

    Gli impianti di risalita di Gambarie sono in grado di generare anche durante il periodo estivo un importante indotto turistico, anche per la capacità di attrarre il turismo sportivo, in particolare trekking e mountain bike, due attività che non comportano alcun rischio in termini sanitari in quanto svolte di per sé con il sufficiente distanziamento. Per la tipologia della struttura sarebbe inoltre possibile regolarizzare gli accessi e gestire le presenze nel modo ritenuto più idoneo a ridurre al minimo il rischio contagio. In questo quadro non si comprende quindi il ritardo da parte della Regione nel voler autorizzare la riapertura degli impianti, così come già richiesto dal Comune di Santo Stefano in seguito alle istanze condivise dagli operatori turistici del comprensorio.

     

    Nella speranza che possiate valutare le nostre richieste e decidere per il meglio, cogliamo l’occasione porgere un augurio di buon lavoro.

    Associazione di Operatori turistici montani “Gambarie Attiva”