• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – L’artista Iacopino con le sue “donne in cartapesta” riscopre il territorio e l’intensità di un’arte antica

    Reggio Calabria – L’artista Iacopino con le sue “donne in cartapesta” riscopre il territorio e l’intensità di un’arte antica

    “Pensieri di Donne” si chiama così l’installazione reallizzata dall’artista reggina Elena Iacopino per l’evento “IoComproCalabrese” svoltosi al Parco Ecolandia lo scorso weekend, vuole riscoprire il territorio calabrese ma anche, valorizzare un’arte antica ma difficilissima della cartapesta in modo da poterla tramandare alle generazioni e preservarla ancora per molti anni.

    Creazioni originali, belle e curate nei minimi dettagli sempre perfettamente rifinite grazie all’unione di gesso, paglia, stracci ed altri materiali poveri, affascinano grandi e piccini. E proprio con la cartapesta, materiale tanto misero quanto duttile, l’artista Iacopino ha rappresentato le donne donando ad ogni opera un “carattere” proprio ed originale che si discosta totalmente dal più “tipizzato” carattere delle stesse figure create però, in materiale plastico.
    “Le mie donne sono in cartapesta e Bergamotto Dop di Reggio Calabria – spiega l’artista – In ogni mia creazione, intreccio la poliedricità delle donne, un legame che, in un certo senso, c’è pure tra la carta e il Bergamotto Dop. La cartapesta è un’arte millenaria come la nostra città e qui, in passato albergavano diversi maestri. Usata non solo per i carri e per i presepi ma anche per rappresentare l’arte religiosa e adornare antichi bassorilievi presso tenute storiche locali soprattutto a Pizzo, Vibo Valentia e Catanzaro, la cartapesta pur essendo un materiale povero che viene plasmato con incredibile bravura, dà vita a delle creazioni che nulla hanno da invidiare alle sculture in materiali più tradizionali e, per questo, vengono molto apprezzate e ricercate – continua ancora la Iacopino – Pensieri di Donne volge lo sguardo proprio all’essere femminile i cui pensieri molteplici, nella giornata pullulano di emozioni che si rincorrono. E, spesso, sono pensieri inascoltati. Le mie “Donne Luminose” rappresentano la voglia di riscatto, la stessa voglia bella e pulita della nostra amata Reggio Calabria”.
    Le bambole dell’artista reggina dispiegano il percorso cronologico dell’universo femminile in un intreccio complesso ed affascinante. Mondi fantastici che, in un certo senso, rappresentano l’evoluzione della donna da sempre in lotta per la sua emancipazione e affermazione sociale giustamente rivendicata nel tempo. Un tema, dunque, ben trattato da Elena Iacopino che, con le sue creazioni di cartapesta, ha affrontato da diverse prospettive, risvolti culturali e sociologici, talvolta sorprendenti ed inaspettati.