• Home / In evidenza / Presentata la nuova offerta formativa del Dipartimento di Agraria, una realtà vivace e al passo con i tempi

    Presentata la nuova offerta formativa del Dipartimento di Agraria, una realtà vivace e al passo con i tempi

    di Grazia Candido –  Ripartire dalla natura per rilanciare il Sud. E’ stata presentata questa mattina, l’offerta formativa e servizi agli studenti del Dipartimento di Agraria per il prossimo anno accademico 2020-2021. A sciorinare tutti i dettagli, durante una conferenza on line, il Magnifico Rettore Santo Marcello Zimbone ed il Direttore del Dipartimento Giuseppe Zimbalatti entrambi concordi sulla certezza che “in questi anni, Agraria ha mirato a sbocchi occupazionali ben precisi riuscendo nel suo intento”.

    “La nostra è una realtà formativa vivace, innovativa, al passo con i tempi e lo dimostrano le numerose iniziative svolte in questi mesi ed organizzate con tempestività e dedizione attraverso delle occasioni di incontro e riflessioni rivolte ai giovani, alle famiglie, alle imprese, al mondo professionale. – esordisce il Rettore –  Sono molto fiducioso per il futuro e ci aspettiamo che ci siano ulteriori riscontri positivi. Ci stiamo organizzando per il ritorno graduale in presenza: già da tempo, le lauree per chi lo vuole, possono essere svolte in presenza e, a Settembre, anche gli esami  mentre per le lezioni in aula che dovranno iniziare il primo ottobre, stiamo applicando tutti i protocolli di sicurezza affinchè gli studenti possano tornare alla loro vita ordinaria, frequentare i laboratori, i nostri locali molto accoglienti”.
    Il Rettore Zimbone ci tiene a precisare che ha potuto constatare “dei riscontri anche in campo nazionale di una lieve ridistribuzione che ci sarà tra gli Atenei” e da Roma dove attualmente si trova, non può che essere soddisfatto per “il richiamo alla terra e a quella natia di tanti giovani”.
    “Nonostante le difficoltà, i giovani devono sapere che, ogni anno, ci poniamo il problema di rivisitare, adeguare, migliorare l’offerta formativa ed aiutarli ad usufruire di tutti i servizi attivati. – continua Zimbone –  E’ un momento particolare che, forse, ci consentirà di trasformare in una opportunità quella che è stata una criticità”.
    Ne è convinto anche il direttore Zimbalatti che ringrazia il Magnifico Rettore che “in questi anni, ha portato a livelli ragguardevoli l’Ateneo: siamo al secondo posto nella graduatoria Censis delle Università come migliori in Italia”.
    “Noi amiamo la nostra terra” è uno slogan indicativo della nostra Accademia ed è uno slogan che, nei mesi di lockdown, si è rivelato molto importante:  questo periodo di sospensione, ha fatto capire all’Italia che un settore oltre a quello dei medici, ne è uscito alla grande e mi riferisco al settore agro-alimentare. – continua Zimbalatti – La nostra filiera agro-alimentare ha mantenuto la presenza quotidiana presso tutti i centri commerciali, la grande distribuzione dei prodotti non solo a lunga conservazione ma anche e, soprattutto, di prodotti freschi che non sono mai mancati sulle tavole degli italiani. La facoltà di Agraria, unica realtà del territorio regionale, prevede Master e corsi di Alta formazione, Dottorato di ricerca, servizi per gli studenti e tre assi fondamentali della nostra offerta formativa: corsi di Laurea triennale e magistrale in Scienze e tecnologie agrarie, Scienze e tecnologie alimentari e Scienze forestali e ambientali. Negli anni, la nostra struttura è cresciuta tantissimo e, oltre alla didattica e agli ordinari servizi che forniamo agli studenti, abbiamo puntato ad una piena condivisione dei programmi Erasmus. Inoltre, ci piace sottolineare la ricchezza e la bellezza della nostra biblioteca che continua a rivestire un fascino particolare. In questo periodo, abbiamo anche creato un numero verde al quale rivolgersi e, attraverso questa linea, si potranno organizzare delle piccole visite nelle nostre strutture. – conclude il direttore – Tirocini, stage e viaggi studi costituiscono un altro momento formativo che permette allo studente di vivere la realtà del mondo produttivo  e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro”.
    Insomma, la Facoltà di Agraria fornisce tante ed imperdibili opportunità da giocare in casa e “visto che l’Italia, il Paese agroalimentare per eccellenza, ed in particolare la Calabria, regione che ha nell’agricoltura e nel settore agroalimentare le sue espressioni economiche e sociali migliori, sarebbe davvero un peccato non sfruttare queste opportunità lavorative che offre il nostro prezioso Ateneo”. Parola di Zimbalatti.