• Home / In evidenza / L’Accademia Internazionale Italiana Arte nel Mondo premia il talento reggino Peppe Piromalli

    L’Accademia Internazionale Italiana Arte nel Mondo premia il talento reggino Peppe Piromalli

    di Grazia Candido –  “Il premio migliore che la vita possa dare è la possibilità di gettarsi a capofitto su un lavoro che merita di essere fatto e grazie alla mia compagnia teatrale, sto provando a tirar fuori insieme al mio pubblico, quel movimento culturale, sano e profondo che vive in città”.

    Ancora emozionato e fiero di portare a casa, nella sua amata Reggio Calabria, il premio di cinematografia e teatro “Ubaldo Lay” consegnato a Mesagne, l’attore e direttore artistico dell’Officina dell’Arte il cui impegno, passione e professionalità dimostrata verso il meraviglioso mondo del teatro, sono stati particolarmente apprezzati dall’Accademia Internazionale Italiana Arte nel Mondo.
    “In questi anni, ho provato ad essere la voce, l’altoparlante di tanti giovani, appassionati dell’arte, cultori del teatro e senza grandi pretese ma sempre con estrema umiltà e rispetto, ho cercato di portare al teatro Cilea, spettacoli che potessero aggregare le varie generazioni stimolandole a riappropriarsi di quel luogo di cultura che non può rimanere chiuso ma deve risplendere sempre  – afferma l’attore Piromalli – Sono commosso ed onorato del premio “Ubaldo Lay”, attore che ha unito in modo indelebile la sua immagine a quella del Tenente Sheridan, il personaggio più famoso da lui interpretato che ha conquistato il pubblico degli amanti del Giallo, consegnatomi domenica scorsa in una location veramente bella, l’Auditorium Castello Comunale di Mesagne e un plauso va all’organizzazione ineccepibile malgrado le difficoltà del momento. Ho avuto il piacere di incontrare gente cordiale, competente, persone che come me, lottano per affermare l’arte nelle sue varie forme, i suoi professionisti, le potenzialità dei territori italiani”.
    Chi conosce Peppe Piromalli sa bene che possiede un incredibile talento, è un uomo caparbio con un carattere forte e gentile, doti davvero rare di questi tempi e, nonostante i successi e i riconoscimenti attribuiti, non ha mai dimenticato le buone maniere imparate proprio su quel palco ma soprattutto, non ha voluto mai scordare le sue origini tant’è che porta ovunque il volto bello della sua Reggio e crea sinergie con artisti e compagnie teatrali perché “la vita è crescita. Se smettiamo di crescere, tecnicamente e spiritualmente, siamo praticamente morti”. Da questo principio, il numero uno dell’Oda ha rimesso in moto la sua “macchina” culturale ed è pronto con la compagnia, a ripartire l’anno prossimo con un cartellone ricco ed interessante che vedrà calcare l’ambito palco del “Cilea” artisti del panorama nazionale.
    “Come ho già anticipato, stiamo lavorando alla nuova programmazione che, se tutto andrà per il meglio e il teatro sarà fruibile con un numero di posti che ci possa consentire quantomeno lo stretto necessario per ripartire e sostenere le spese, è programmata per Gennaio 2021 – conclude Piromalli – Il Covid-19 non è ancora un nemico remoto, serve ancora molta responsabilità da parte di tutti e massima cautela. Credo sia necessario ribadire che ognuno di noi ha una responsabilità nei confronti di chi ama e di chi non ama e solo rispettando le distanze, le normative, il prossimo potrà esserci finalmente una ripartenza per tutti i settori e per le nostre vite”.