• Home / CITTA / Reggio Calabria / Villa San Giovanni, riunione del sindaco Richichi sul problema dell’erosione costiera di Cannitello

    Villa San Giovanni, riunione del sindaco Richichi sul problema dell’erosione costiera di Cannitello

    “Venerdì 12 giugno, presso la sede della Città Metropolitana di Reggio Calabria, – si legge in una nota – il Sindaco f.f. Maria Grazia Richichi e l’Assessore Giovanni Imbesi hanno incontrato il Dirigente del Settore 13 – Difesa del suolo e Salvaguardia delle coste – Edilizia e Impiantistica sportiva, Arch. Giuseppe Mezzatesta. Oggetto principale della riunione è stato il problema dell’erosione costiera di Cannitello.

    Il tecnico metropolitano ha riferito di aver proceduto, non appena iniziata la fase 2 covid, alla nomina del RUP del procedimento e del supporto al RUP per la progettazione della messa in sicurezza dell’arenile di Cannitello. È stata ribadita con forza, da parte dell’Amministrazione, la volontà di non indicare il tipo di intervento da attuare, bensì si è chiesto che il tema della progettazione sia solo la messa in sicurezza della costa e quindi dell’abitato di Cannitello. Non si vuole più sentir parlare soluzioni tampone – si legge ancora – e comunque di barriere di fronte alle spiagge, si pretende che siano i migliori progettisti scelti, in seguito al bando, a dare la soluzione ottimale per la tutela del paesaggio e per la salvaguardia delle coste. L’Arch. Mezzatesta ha assicurato tempi brevi per l’assegnazione della progettazione per la protezione dell’abitato di Cannitello. Il Sindaco e l’Assessore hanno chiesto che all’interno del tavolo tecnico continuo per la progettazione ci sia sempre un rappresentante del comitato difesa costa Cannitello cosi come concordato con tutti gli enti già nel mese di febbraio.

    Altro importante tema trattato è stata la demolizione e la ricostruzione del plesso dell’istituto “Nostro-Repaci” di via Marconi: non è stata ancora affidata la progettazione, ma, a breve, superata qualche difficoltà burocratica, si procederà alla progettazione che consentirà alla Città di riavere un plesso storico fruibile dai cittadini. Su tutte le questioni trattate, che rivestono un’importanza fondamentale per la sicurezza dei cittadini e la fruibilità di beni primari, quali il litorale e la pubblica istruzione, l’attenzione dell’Amministrazione comunale è stata e continuerà ad essere sempre massima; i ritardi finora e purtroppo sono dipesi da iter procedimentali e burocratici spesso lunghi farraginosi che il Comune, come i cittadini, subisce senza tuttavia mai mollare nella funzione di pungolo e di stimolo nei confronti delle istituzioni competenti agli interventi”.