• Home / CITTA / Reggio Calabria / Sainato interviene durante l’incontro con il Prefetto e l’Associazione dei Sindaci della Locride sulle emergenze territoriali

    Sainato interviene durante l’incontro con il Prefetto e l’Associazione dei Sindaci della Locride sulle emergenze territoriali

    Intervenendo al tavolo tra l’Associazione dei Sindaci della Locride e il Prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani, tenutasi presso lasala Consigliare del Comune di Siderno, con fulcro puntato sull’emergenza rifiuti e sulla sicurezza del territorio Locrideo, il Consigliere Regionale Raffaele Sainato ha posto l’attenzione sulla necessità di creare un nessotra i rappresentanti del territorio,che ponga lo sviluppo al centro dell’azione istituzionale. A tal proposito ha ringraziato, per l’opera portata avanti nella gestione della cosa pubblica la dott.ssa Caracciolo e la Commissione straordinaria di Siderno, che hanno operato con amore verso la città Jonica.

    Quindi, affrontando il problema dello stoccaggio dei rifiuti, in vista della data del 30 Giugno, da cui si dovrebbe ritornare a temere per la tenuta dei siti di stoccaggio, ha evidenziato come tale ultimatum preoccupi certamente anche la Regione, che a tal proposito ha già vagliato diverse opportunità per lo stoccaggio dell’umido e dell’indifferenziato. Dal termovalorizzatore di Gioia Tauro sino alla possibile riapertura delle discariche di Melicuccà o Cassano. “Sulla gestione dei rifiuti- ha riconosciuto Sainato- i 42 comuni della Locride si sonoben difesi anche nell’emergenza, differenziando in maniera coerente, come purtroppo non si è invece avvenuto nella città di Reggio Calabria, che sconta una situazione ancora più difficile proprio per la non soddisfacente azione di differenziazione. Considerando la progressione temporale del problema si dovrà – ha evidenziato il Consigliere- prevedere la realizzazione di un nuovo sito di discarica per il territorio. Un sito che dovrà individuarsi nell’estremo interesse dall’area Locridea, poiché non si potrà a lungo andare avanti rilanciando la problematica tra Regione e Città Metropolitana. Due agenti istituzionali, che tra l’altro, non hanno mai sottovalutato l’incognita ed hanno sempre agito ricercando il dialogo interistituzionale”.

    Sulla sanità, altra emergenza considerata durante il tavolo di discussione, Sainato ha specificato come la Regione abbia vagliato la possibilità di contrarre un mutuo per affrontare le necessità di bilancio delle diverse Asp provinciali. “Purtroppo, la soluzione – ha sottolineato – non potrà essere vagliata per l’Asp di Reggio Calabria, in assenza di un Bilancio dell’azienda, che da tempo risulta commissariata proprio per la difficile situazione contabile”. Sulla terza emergenza,inerente alla riaperturain sicurezza delle scuole a settembre, il Consigliere di Fratelli di Italia, ha posto l’accento sulla necessità di sfruttare al meglio i tre mesi estivi per porre in essere le azioni necessarie a ripristinare la migliore normalità educativa quanto prima. Ultima ma fondamentale emergenza quella dei trasporti, che come sottolineato anche dal Sindaco di Locri Giovanni Calabrese, restano una delle spine centrali per il rilancio turistico e non solo del territorio. In materia Sainato ha dato la propria disponibilità ad aprire un dialogo tra lazona e la Cittadella Regionale, soprattutto richiamando la tematica delle soste del nuovo collegamento ferroviario veloce, che, come emerso dalle indiscrezioni degli ultimi periodi,dovrebbe rispettare, per la Tirrenica, la Città di Gioia Tauro e non la stazione di Rosarno, punto di snodo per gli autobus provenienti dal territorio locrideo.Il Consigliere ha quindi chiuso l’intervento tornando a ringraziare il Prefetto per la sensibilità dimostrata ed a richiamare l’opera svolta dalla Commissione guidata dalla Dott.ssa Caracciolo a Siderno. “Città, che è da considerarsi – ha concluso- come Locri, centrale per lo sviluppo dell’intero territorio. Un’ancora di traino per lacrescita locale, anche perché sede di opere comprensoriali indispensabili come il Depuratore Consortile o il Consorzio per la raccolta differenziata”.