• Home / CITTA / Reggio Calabria / L’offerta formativa dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

    L’offerta formativa dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

    L’offerta formativa dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria per il prossimo a.a. 2020-2021 conferma le molteplici opportunità derivanti da una tradizione consolidata e introduce diverse novità, aprendo così le porte a un ventaglio di possibilità e prospettive formative al passo coi tempi, in vari ambiti, quali Agraria, Architettura, Economia, Giurisprudenza, Ingegneria e Scienze Umane.

     

    L’ambito di AGRARIA offre 6 corsi di studio, 3 di laurea triennale e 3 di laurea magistrale biennale, che abbracciano le tre principali filiere produttive, agricola, forestale-ambientale e alimentare. Punta sui miglioramenti qualitativi già introdotti con l’a.a. 2019-2020 nel campo delle Scienze e Tecnologie Agrarie, delle Scienze Forestali e Ambientali, al primo livello con i due curricula in Ambiente e paesaggio agro-forestale e in Progettazione delle aree verdi, al secondo livello con i due curricula in Gestione dell’ambiente e degli ecosistemi forestali e in Gestione delle aree verdi, delle Scienze e Tecnologie Alimentari, al secondo livello con i due curricula in Tecnologie alimentari e in Gastronomia e ristorazione.

     

    L’ambito di ARCHITETTURA offre 4 corsi di studio, 1 di laurea quinquennale, 2 di laurea triennale e 1 di laurea magistrale biennale. Presenta la novità del corso di laurea triennale in Design con tre curricula (Product design, Design della comunicazione, Design per l’indoor/outdoor), che si aggiunge ai tradizionali corsi triennale in Scienze dell’Architettura e quinquennale in Architettura, entrambi con programmazione nazionale degli accessi, ed al corso per la laurea magistrale biennale in Architettura-Restauro con tre curricula (Restauro del patrimonio costruito, Architettura del paesaggio, Rigenerazione urbana).

     

    L’ambito di ECONOMIA conferma 2 corsi di studio, 1 di laurea triennale in Scienze economiche con due curricula (Economico, Giuridico-aziendale) ed 1 di laurea magistrale biennale in Economia con tre indirizzi (Innovazione e sistemi decisionali, Consulenza e professioni, Economico-aziendale).

     

    L’ambito di GIURISPRUDENZA conferma 1 corso di laurea magistrale quinquennale in Giurisprudenza e la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di durata biennale con due curricula (Giudiziario-forense, Notarile).

     

    L’ambito di INGEGNERIA offre 7 corsi di studio, 3 di laurea triennale e 4 di laurea magistrale biennale. I percorsi triennali abbracciano i tre settori civile, industriale e dell’informazione; sono, infatti, in offerta un corso di laurea triennale completamente rinnovato in Ingegneria civile e ambientale per lo sviluppo sostenibile con tre curricula (Opere civili sostenibili e per l’energia, Infrastrutture di trasporto e logistica, Tutela dell’ambiente), un corso di laurea triennale in Ingegneria industriale con quattro curricula (Energia con percorso Elettrico-energetico, Energia con percorso Elettrico-elettronico, Gestionale, Industriale-infrastrutturale), un corso di laurea triennale in Ingegneria dell’informazione con possibili approfondimenti mirati sia all’ingegneria informatica, che all’ingegneria elettronica o all’ingegneria delle telecomunicazioni. Per quanto riguarda i percorsi di laurea magistrale biennali, si segnala la novità, evolutiva di un corso di laurea magistrale già attivo, del corso di interclasse in Ingegneria per la gestione sostenibile dell’ambiente e dell’energia con i due curricula in Tutela dai rischi naturali e antropici e in Gestione energetica sostenibile; altre novità si ritrovano nella riorganizzazione del corso di laurea magistrale biennale in Ingegneria elettronica con tre nuovi curricula (Automazione industriale, Elettronica per la biomedica, Elettronica). Restano, infine, confermati il percorso magistrale biennale in Ingegneria civile con tre curricula (Infrastrutture e sistemi di trasporto, Geotecnica per lo sviluppo e la sicurezza del territorio, Progettazione di strutture civili, di infrastrutture idrauliche e di sistemi per le energie rinnovabili) ed il percorso magistrale biennale in Ingegneria informatica e dei sistemi per le telecomunicazioni, che offre la possibilità di approfondire tematiche quali la cyber-security ed le reti 5G.

     

    L’ambito delle SCIENZE UMANE offre 2 corsi di studio. All’esistente percorso quinquennale in Scienze della formazione primaria, con programmazione nazionale degli accessi, si aggiunge la novità del percorso triennale in Scienze dell’educazione e della formazione con due curricula (Educatore per l’infanzia, Educatore socio-pedagogico).

     

    L’offerta formativa di primo e secondo livello per l’a.a. 2020-2021 si presenta, quindi, solida, variegata e d’interesse per gli sbocchi occupazionali, con 22 corsi di studio, 10 di primo e 12 di secondo livello, ramificati in complessivi 44 diversi possibili curricula/indirizzi. E’ il frutto di un lavoro vigile e certosino di verifica e di miglioramento qualitativo che hanno tratto prioritario impulso dalla rilevazione e alla valutazione della domanda espressa dal mondo della Scuola, delle Professioni, delle Imprese e delle altre Parti sociali, e dalla opportunità della continua qualificazione delle attività didattiche e curriculari e dei risultati prodotti. L’offerta formativa di terzo livello conferma 5 corsi di dottorato di ricerca negli ambiti di Agraria, Architettura, Giurisprudenza-Economia e Ingegneria.

     

    Il complesso dei percorsi formativi, in alcuni casi, come quelli di Agraria e Architettura, esclusivi in Calabria e nell’Area dello Stretto, può contare su punte d’eccellenza e laboratori all’avanguardia, anche unici nel panorama accademico, grazie a importanti investimenti, frutto di una notevole capacità di auto-finanziamento della ricerca. È inoltre attiva una notevole quantità di accordi internazionali volti a favorire la fruizione dei programmi di mobilità studentesca. Una delle sfide più recenti dell’Ateneo riguarda la partecipazione attiva alla rete dei diversi attori impegnati nello sviluppo delle scienze e tecnologie spaziali nel bacino del Mediterraneo.

     

    In questo periodo d’emergenza sanitaria, l’Università Mediterranea Reggio Calabria non si è mai fermata, per tenersi vicina principalmente agli Studenti, alle Famiglie e alla Scuola. L’impegno di servizio a distanza è stato costante e senza soste. Sono stati, infatti, assicurati con continuità le lezioni e le esercitazioni, gli esami di laurea, le attività di tutorato, gli esami di profitto, i tirocini, i corsi di dottorato di ricerca, i corsi di specializzazione abilitanti per la scuola, le ingenti risorse bibliografiche digitali. Sono fiorite le video-conferenze messe in rete, rivolte ai giovani per mettere in mostra anche le sfaccettature e le opportunità dell’offerta formativa e illuminare le scelte per il futuro.

     

    L’Ateneo ha anche dato una mano alle altre Istituzioni del territorio in difficoltà, non solo calabresi, a cominciare dai Presidi Ospedalieri. Una mano, nel silenzio, grazie alla competenza e all’impegno dei laboratori, animati dalla dedizione di ricercatori, personale, collaboratori e degli stessi Studenti, che hanno consentito la distribuzione di prodotti detergenti e igienizzanti e la consulenza negli interventi di sanificazione degli ambienti.

     

    In questo periodo sono anche stati mantenuti i collegamenti con le istituzioni scolastiche, i dirigenti e gli insegnanti. In questi giorni, i diplomandi e le Commissione d’esame delle Istituzioni scolastiche di secondo grado dell’intera provincia di Reggio Calabria riceveranno un segno di attenzione e vicinanza.

     

    Non sono tardate le iniziative volte a dare più respiro alle Famiglie chiamate a sostenere i ragazzi. Si sta pensando alla migliore accoglienza possibile delle future matricole, ad esempio attraverso l’omaggio di utili supporti informatici personali, come può essere un tablet, per agevolare la fruizione dei servizi anche dopo il superamento di questa fase critica, come pure la creazione di uno sportello telematico informativo personalizzato che faciliti il percorso di tutti i giorni.

     

    I servizi rimarranno in gran parte gratuiti. Sarà così per il tutorato personalizzato, i servizi-navetta di trasporto, i servizi sportivi, medico-sanitari, ricreativi e altri ancora. Si amplierà la scelta per le esperienze di studio Erasmus all’estero. Rimarranno facilmente accessibili due moderne e confortevoli Residenze Universitarie. Si incrementeranno le borse di studio, i premi di laurea, i sussidi, come la stessa possibilità di collaborazione retribuita degli Studenti alle attività dell’Ateneo.

     

    È anche bene che Studenti e Famiglie sappiano che si sta puntando a completare l’assetto urbanistico della Cittadella universitaria, a potenziare gli impianti residenziali e sportivi, a promuovere la nascita di un grande Campus per l’Innovazione in grado di valorizzare le collaborazioni con il mondo delle Imprese e creare occupazione in loco. In sostanza, si moltiplicheranno le opportunità di studio e specializzazione in un luogo con risorse e bellezze ambientali, paesaggistiche e culturali certamente uniche, che costituiscono veri e propri laboratori naturali.

     

    L’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria esce rafforzata da questa fase, i servizi migliorati e ampliati, in un ambiente sano, accogliente, stimolante e a contatto con il Territorio e il mondo professionale e produttivo, impegnato all’insegna della vicinanza agli Studenti e per garantire alla Comunità il miglior futuro possibile.