• Home / CITTA / Reggio Calabria / Inchiesta Helios, Falcomatà: ‘Le intercettazioni pubblicatele tutte, non a metà’

    Inchiesta Helios, Falcomatà: ‘Le intercettazioni pubblicatele tutte, non a metà’

    Giuseppe Falcomatà è tornato a parlare della vicenda che coinvolge alcune persone della sua amministrazione in relazione alla gestione dei rifiuti.

    Il primo cittadino ha, dunque, parlato dell’inchiesta Helios: “Ha accostato il nome della mia amministrazione a procedimenti per associazione mafiosa. Ci tengo a chiarire che le ipotesi di reato contestate ai miei assessori e consiglieri comunali, nulla a che vedere hanno con l’associazione mafiosa. Questo è il primo punto dal quale partire, perchè non è bello per una persona che fa politica vedere la scritta ndrangheta legata ad appalti e politica. Le persone, a quel punto, fanno fatica a distinguere, comprendere e si fidano di quello che leggono”.

    “Nei giorni scorsi sono – ha evidenziato – stati pubblicati alcuni stralci di intercettazioni di conversazioni telefoniche tra i miei assessori e i vertici della società Avr, io vi inviterei a pubblicarle tutte. Non a metà. Non le deduzioni, ma le conversazioni dirette. Poi vediamo se vanno contestate dei reati a queste persone o va apprezzato il modo di agire ed operare”.

    “Ci tengo – ha proseguito –  anche a chiamare in causa la società civile che, in questi giorni, si discuteva di possibilità di evitare licenziamenti di persone già assunte, in cui tutta la città si muoveva per salvare una realtà sociale produttiva come la Rom 1995, hanno stimolato l’attenzione dell’amministrazione comunale, del Sindaco e deo consiglieri a prendere per mano e a seguire attentamente quelle vicende. Sarebbe importante che, con la stessa attenzione, forza ed intensità con cui giustamente ci si spendeva per non far morire quelle realtà, oggi si dicesse qualcosa. Sennò vige la regola dell’abbiamo vinto e avete perso”.