• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, Falcomatà sulla fase 2: ‘Dal 4 si riparte: mi appello a senso di responsabilità dei cittadini’

    Reggio Calabria, Falcomatà sulla fase 2: ‘Dal 4 si riparte: mi appello a senso di responsabilità dei cittadini’

    Nella giornata in cui la Calabria fa registrare zero contagi, il Sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà ha scelto di spiegare in una diretta Facebook cosa si potrà fare a partire dal 4 maggio. E’ quella la data dalla quale le misure di restrizione saranno leggermente allentante.

    “Potremo – evidenzia il Sindaco – tornare a fare visite ai nostri congiunti: parenti ed affetti stabili, in cui rientrano fidanzati e fidanzate”.

    “Dal 4 maggio – ha aggiunto – riaprono parchi, ville e giardini pubblici. Poi vedremo come lo faranno. In questi mesi ci siamo attrezzati, abbiamo fatto le manutenzioni ed anche negli ultimi giorni abbiamo ripreso affinché  i nostri spazi riaprano nel migliore modo possibile”.

    “Si potranno – ha proseguito Falcomatà –  fare allenamenti per discipline sportive individuali. Tutti gli sportivi professionisti o non professionisti che siano riconosciuti di interesse nazionale potranno re-iniziare ad allenarsi”.

    Grande attesa anche per l’economia: “Dal 4 maggio riprenderà il servizio di asporto delle attività, che è diverso dal servizio a domicilio.  Ripartiranno finalmente i cantieri delle opere pubbliche: il lungomare, il waterfront, il parco Lineare Sud”.

    Sui cimiteri: “Io per primo vorrei tornare a fare visita ai miei cari e riapriranno a partire dall’8 maggio. Ho avuto un’interlocuzione con il Ministro Speranza”.

    E sulla possibilità di uscire di casa:”Una passeggiata è un’attività motoria. Volendo fare una battuta dite che andate a passeggio per andare a sgranchirvi e non per ricrearvi, perché le attività ricreative non sono consentite”.

    In sostanza dalle parole di Falcomatà sembra emergere che chi risiede lontano dal centro è chiamato ad evitare di recarsi nelle zone centrali e magari a congestionare quelle vie o restare in giro per ore.

    “La libertà che avremo non significa – evidenzia Falcomatà  –  che potremo tornare a passeggiare sul Lungomare o su Corso Garibaldi o stare in piazza, ma potremo fare delle piccole passeggiate per prendere un po’ d’aria fresca”.

    Ogni attività dovrà avere delle condizioni: “Utilizzo delle protezione individuali: maschere, guanti, mantenimento delle distanze di sicurezza e autocertificazioni per spostarsi.  Bisognerà mantenere due metri tra due persone durante l’attività sportiva e almeno un metro per tutte le altre fasi della vita”.

    “Permangono – ha proseguito il Sindaco – alcuni divieti: nelle cose che sono consentite da fare dobbiamo evitare assembramenti, attività ludiche e ricreative all’aperto, gli eventi pubblici e privati. Questo è quello che potremo fare” .