• Home / CITTA / Reggio Calabria / Imbalzano: “Urge una cabina di regia al Comune per individuale priorita’ e risorse a sostegno di commercianti, artigiani e piccola industria”

    Imbalzano: “Urge una cabina di regia al Comune per individuale priorita’ e risorse a sostegno di commercianti, artigiani e piccola industria”

    “Riteniamo preliminarmente  quanto mai legittima la protesta dei titolari di attività di Tattoo, parrucchieri e estetisti , nel voler anticipare, con tutte le cautele di carattere sanitario  a salvaguardia di clienti e lavoratori, la data di apertura dei loro locali e, sotto questo profilo, condividiamo l’interrogazione parlamentare presentata dall’on. Francesco Cannizzaro. Una battaglia sacrosanta questa,  che, a nostro giudizio, deve essere inserita nel contesto piu’ ampio delle iniziative che tutte le Istituzioni, a partire dal Comune,  devono mettere in cantiere per sostenere comparti che rappresentavano la spina dorsale dell’economia cittadina per agevolare  la loro ripresa, oggi più che mai a rischio estinzione”.

    E’ quanto afferma Pasquale Imbalzano, Consigliere Comunale di Forza Italia.

    “In un quadro di generale confusione quanto ad azioni ipotizzate,  estemporanee e spesso disancorate totalmente dalle vere esigenze dei nostri imprenditori, chiediamo al Sindaco, in momento in cui deve prevalere l’interesse comune dei reggini, la costituzione di una CABINA DI REGIA,  tecnico-politica, con la presenza delle Associazioni dei Commercianti,  degli Artigiani,  di Camera di Commercio e di tutti i gruppi presenti in Consiglio Comunale, sia per coordinare la mole di interventi  annunciati a tutti i livelli   e  soprattutto per individuare scelte e priorità correnti con le reali esigenze dei vari settori produttivi”, continua Pasquale Imbalzano.

    “Sotto questo profilo ci chiediamo come non si parli ancora di un provvedimento del Comune , che  vogliamo  qui proporre,  che riteniamo di enorme importanza: ci riferiamo alla concessione di un BONUS per consentire di far fronte alle sostanziose spese quotidiane necessarie per SANIFICARE gli ambienti di lavoro e per l’acquisto di DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: non solo guanti, mascherine idonee, detergenti e disinfettanti, ma anche pannelli protettivi indispensabili per lavoratori stessi e clienti.  Aiuti naturalmente non duplicabili con altre eventuali analoghe  provvidenze, peraltro limitate a soli 50 milioni di euro per tutto il Paese, previste dal decreto “Cura Italia” del 17 marzo e la cui gestione, mediante bando con scadenza 18 maggio,  è stata affidata a Invitalia”, aggiunge Pasquale Imbalzano.

    “Poiché abbiamo letto dell’intenzione dell’Amministrazione di operare scelte in totale solitudine in ordine ai settori da sostenere con risorse di diversa origine , oggi consideriamo più che mai  necessario un generale coinvolgimento di tutti i soggetti istituzionali interessati, per non rischiare di vanificare gli obiettivi di ripresa  che tra risorse nazionali,  regionali e per le città metropolitane,  è esiziale ed urgente raggiungere”, conclude Pasquale Imbalzano.