• Home / CALABRIA / Reggio Calabria, nasce il Comitato dei Lavoratori dell’Hospice: “La Fondazione in affanno sul pagamento stipendi”

    Reggio Calabria, nasce il Comitato dei Lavoratori dell’Hospice: “La Fondazione in affanno sul pagamento stipendi”

    Di seguito la nota diffusa dal Comitato dei Lavoratori dell’Hospice

     

     

    Ed ancora Hospice!
    In piena emergenza Covid19, la Fondazione via Delle Stelle, guidata dal Dott. Trapani
    Lombardo è in affanno nuovamente sul pagamento degli stipendi ai dipendenti.
    Questo è lo scenario, in cui con grande determinazione ed amore per i malati, si muove da
    tempo la Fondazione e per essa il Presidente Dott. Trapani Lombardo, assicurando la
    continuità assistenziale sia ai ricoverati che ai pazienti al domicilio, sostenuto dalle
    numerose donazioni da parte di una cittadinanza attiva, presente, fatta di benefattori,
    volontari, che da tempo lottano, per la conservazione dell’unica struttura specializzata in
    “cure palliative” presente nel nostro territorio.
    In questo contesto, ad affiancamento delle iniziative della Fondazione Via Delle Stelle,
    nasce il Comitato dei Lavoratori, con lo scopo di tutelare tutti i dipendenti (medici,
    infermieri, fisioterapisti, oss, psicologi, amministrativi, assistenti sociali, ausiliari, cuochi,
    ecc) che da sempre, e, soprattutto oggi, in piena pandemia, hanno assicurato le cure ai
    malati terminali, sostenuto le loro famiglie, rischiando giorno dopo giorno il contagio.
    E proprio per questo, non può non affrontarsi la questione delle retribuzioni del personale
    sanitario, che come ciclicamente accade, non possono essere erogate con continuità, a
    causa dei ritardi nei pagamenti delle prestazioni sanitarie dovute all’Hospice da parte
    dell’ASP di Reggio Calabria e del mancato intervento da parte della Regione Calabria.
    In questo contesto, di assoluta inefficienza amministrativa responsabile del ritardo del
    pagamento dei mandati dovuti all’Hospice dall’Azienda Sanitaria Provinciale, coloro che
    pagano, sono i sanitari dell’Hospice.
    Continuano a pagare, coloro i quali silenziosamente operano con continuità di cure, per
    assicurare il “diritto alla salute”. Ed ecco, la dicotomia, un’ ASP. virtuosa nell’effettuare
    tamponi per il Covid19, diligente e premurosa ad erogare bollettini ed un ASP ferma su se
    stessa, i cui meccanismi amministrativi appaiono inefficienti ed inadeguati a gestire i flussi
    di denaro dovuti per le prestazioni erogate in convenzione, creando serie difficoltà a quelle
    poche strutture sanitarie presenti nel nostro territorio.
    Il Comitato dei lavoratori non può tacere, e non può non affrontare la problematica che si
    ripercuote sui dipendenti dell’Hospice, e non può tollerare quanto si è letto in precedenti
    articoli di stampa, ovvero la mancata risposta alle richieste inoltrate tramite pec dal
    Presidente Trapani Lombardo ed indirizzate all’ASP. ed alla nuova Governatrice della
    Regione Calabria, Jole Santelli. Si rammenta che le Istituzioni sono obbligate a
    rispondere, a fronte di un appello dei propri rappresentati, rispondere è un loro dovere.
    Ed è compito istituzionale dell’ASP e della Regione Calabria aprire un tavolo tecnico per
    adottare nuove metodologie, idonee ad assicurare la periodicità dei pagamenti a fronte
    delle prestazioni sanitarie erogate dall’Hospice, consentendo allo stesso, il pagamento
    delle retribuzioni ai propri dipendenti. Il Comitato si prenderà cura di contattare le
    Istituzioni, a tutela dei lavoratori dell’Hospice, impegnandosi ad informare la cittadinanza,
    associazioni, volontari, e tutti coloro che hanno sempre dato il loro contributo per la
    sopravvivenza dell’Hospice, dei futuri risvolti e soluzioni alla questione.
    (Il Comitato dei Lavoratori dell’Hospice)