• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, Gruppo Pd Palazzo San Giorgio: “Pizzimenti attacca in modo strumentale l’amministrazione comunale e sull’Imu e la Tasi parlando a vanvera”

    Reggio Calabria, Gruppo Pd Palazzo San Giorgio: “Pizzimenti attacca in modo strumentale l’amministrazione comunale e sull’Imu e la Tasi parlando a vanvera”

    “Il trombone Nuccio Pizzimenti si abbandona continuamente a polemiche politiche nei confronti dell’Amministrazione Comunale, senza curarsi se il linguaggio che utilizza nei suoi comunicati stampa assomigli agli slogan strombazzati dai tifosi allo stadio.

    Basta leggere il comunicato stampa originale sull’Imu e la Tasi, inviato qualche giorno addietro ad alcuni organi di stampa della città, per rendersene conto.

    Eppure, non esita a cimentarsi nella scrittura con la disinvoltura propria di un accademico”.

    Così i Consiglieri Comunali del Pd al Comune di Reggio Calabria: Rocco Albanese Presidente della Commissione Bilancio ed Antonino Castorina, Nancy Iachino, Paola Serranò, Mimmo Martino ed Enzo Marra che proseguono: “Questa volta, per richiamare l’attenzione mediatica sulla sua persona, Pizzimenti ha addebitato all’Amministrazione comunale, la responsabilità di non avere provveduto a sospendere il pagamento dell’Imu e della Tasi”. Niente di più falso. L’Amministrazione comunale – sottolineano – proprio per venire incontro alle esigenze ed alle difficoltà dei cittadini, cagionati da una pandemia inaspettata, difficile da gestire e complicata a superarla, nel rispetto delle scadenze indicate dal Governo, ha esibito una tabella dove viene riportato che il pagamento dell’Imu e della Tasi è stato prorogato al prossimo 16 giugno. Per questo la contestazione messa in piedi da Pizzimenti si qualifica come una polemica politica impropria e strumentale. Anzi – aggiunge ancora Albanese – contestare una questione così chiara rappresenta un modo sicuramente goffo di fare politica. Forse Pizzimenti non sa che una eventuale proroga del pagamento di questi tributi non spetta all’Amministrazione comunale, ma al Ministero competente. Poiché i tributi locali rappresentano la sola fonte di entrata di risorse economiche per il Comune, senza le quali sarebbe difficile fronteggiare qualsiasi attività, lo Stato – aggiungono – dovrebbe sostenere economicamente tutti quei Comuni che si trovano in condizione di predissesto. Su questo fronte il Sindaco Falcomatà si è impegnato assiduamente come è anche impegnato ad ottenere la sospensione dell’Imu e della Tasi. Pizzimenti esibisce continuamente l’associazione culturale che rappresenta, trasformata esclusivamente in un organismo politico e, con le sue argomentazioni, la addita e la presenta ai reggini come la panacea a qualsiasi problema. Di questo passo, non ci dobbiamo meravigliare se fra qualche mese lo vedremo, con la sua associazione, impelagato a dissertare con gli scienziati anche sul Covid-19. E’ vero che la nostra democrazia consente la libera circolazione delle idee e che la polemica politica, a volte anche accesa, rientra e fa parte del normale confronto dialettico, ma subire polemiche politiche attraverso comunicati stampa che riflettono una struttura lessicale puerile è una cosa che impoverisce e mortifica la politica, la cultura e anche il giornalismo, considerato che Pizzimenti si è cimentato pure in quest’attività. La polemica politica si può accettare quando i livelli del confronto o dello scontro sono adagiati su presupposti di livello e non attraverso espressioni ridicole e strumentali. Utilizza le sue continue esternazioni contro l’Amministrazione comunale forse con l’obiettivo di ingigantire il peso elettorale della sua associazione, rappresentandola come una corazzata elettorale, anche se, sulla sua reale incisività, nutriamo qualche dubbio. Sarebbe più utile e conveniente per lui che ponesse fine alle sue continue quanto deludenti polemiche contro l’Amministrazione Comunale anche perchè se la città, come lui dice, ha bisogno di politici più capaci, delle sue capacità politiche e culturali la città non avrebbe avuto alcun vantaggio e giovamento”,concludono.