• Home / CITTA / Reggio Calabria / Migrante ucciso a Taurianova, i sindacati: “Basta morti nei ghetti”

    Migrante ucciso a Taurianova, i sindacati: “Basta morti nei ghetti”

    Di seguito la nota diffusa da Rocco Borgese segretario Flai Cgil Gioia Tauro – I fatti di contrada russo in Taurianova non possono che spingere le istituzioni alla totale rimozione del campo in tempi brevissimi e collocare tutti i residenti in delle strutture idonee all’accoglienza  garantendo loro, la massima sicurezza. Questo e’cio’ che sostiene la flaicgil di gioia tauro  alla luce di quanto accaduto oggi,  proprio nel ghetto di Taurianova con la morte del bracciante maliano ucciso da un suo connazionale. E’ giunto il momento, afferma rocco borgese, segretario flaicgil di gioia tauro di agire con celerita’ e fermezza poiche’ non e’  più tollerabile che le persone vivano in queste condizioni  e senza che nessuno intervenga mai  seriamente.

    C’e’ amarezza e sconforto che un ennesimo ragazzo  muoiacosi’ tragicamente  e da queste parti vivere e morire di ghetto pare sia  ormai cosa  consolidata. Una morte che sicuramente poteva essere evitata se ci fosse stata la giusta attenzione ai nostri diversi appelli, e non solo, di interventi indirizzati allo sgombero delle baracche e di tutta l’area con conseguenti sistemazioni giuste e dignitose.  Si vivono Situazioni complicate da sempre, divenute impossibili in periodi di pandemia, in cui il lavoro scarseggia, la fame accresce e la disperazione aumenta. Tutto ciò deve spingere il governo e la prefettura a soluzioni definitive dando loro la possibilità di vivere in case dignitose specialmente adesso con l’epidemia in corso affinché possano   proteggere se stessi e pure gli altri.  Ancora, servel’applicazione di giusti contratti  per porre fine allo sfruttamento perpetrato da sempre  nei loro confronti e la cancellazione totale del decreto sicurezza che ha reso, come più volte abbiamo ribadito , irregolare chi vantava invece un giusto titolo di soggiorno.  Tali nostre richieste, le quali pare si intersecano anche col dibattito nazionale, sono richieste semplici che abbiamo sempre avanzato  poiche’  crediamo  che se non vengono affrontati prontamente  e non si da la giusta e opportuna attenzione finiscono sempre nel peggiore dei modi, e contrada russo purtroppo ne e’ da esempio.