• Home / CALABRIA / Devastata la Fondazione Italo Falcomatà – Gli attestati di sostegno e vicinanza

    Devastata la Fondazione Italo Falcomatà – Gli attestati di sostegno e vicinanza

    All’indomani della comunicazione da parte del primo cittadino di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, riguardamte la devastazione della sede della Fondazione Italo Falcomatà, giunge la vicinanza e la solidarietà dal mondo delle istituzioni,  della politica e delle associazioni.

     

    “Esprimo la mia più sincera solidarietà al sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà e alla sua famiglia e manifesto la mia più profonda indignazione per il raid vandalico che ha devastato la sede della Fondazione Falcomatà. Sono atti vili e insensati, che mortificano non solo una famiglia, ma un’intera comunità e colpiscono uno dei simboli della Reggio migliore, quella che continuamente cerca il suo definitivo riscatto e si impegna per costruire un futuro di benessere per tutti. Davanti a queste barbarie, non esistono steccati politici o lotte di partito. Reggio e i reggini devono stringersi intorno a Falcomatà e ribadire il proprio no alla violenza e alla sopraffazione”.

    Così la deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni.

    La Commissione Toponomastica del Comune di Reggio Calabria, per voce del proprio Presidente professore Giuseppe Cantarella, in relazione all’indescrivibile episodio di cui si è avuto notizia nella tarda serata del 24 aprile, della devastazione della sede della Fondazione Italo Falcomatà, desidera innanzitutto esprimere i propri sentimenti di vicinanza al Sindaco Giuseppe Falcomatà, alla sua mamma Signora Professoressa Rosetta Neto ed alla sua sorella Dottoressa Valeria Falcomatà, così evidentemente e profondamente toccati in un dolore familiare che si rinnova.La Commissione intende esprimere, inoltre, la propria profonda indignazione per un gesto così ignobile che, profanando un luogo abitato da care memorie, colpisce una benemerita istituzione culturale della nostra Città, che si è resa in questi anni protagonista di interessanti ed apprezzate iniziative, anche benefiche, sempre nel nome dell’indimenticato Sindaco Italo Falcomatà, la cui memoria collettiva non può in alcun modo essere offuscata dalla vigliaccheria di questo gesto offensivo.Condanniamo con estrema fermezza l’atto vile ed ignobile che ha visto la devastazione della sede della fondazione Italo Falcomatà; alla famiglia Falcomatà, ai membri della fondazionee ai reggini va la nostra vicinanza e solidarietà.Il nome di Italo Falcomatà, per tutti, rappresenta non solo l’uomo mite, umile, di elevato spessore culturale, etico e morale e dalle grandi competenze, ma una pagina storica della nostra Reggio segnata dal progresso, dal grande senso di appartenenza e dal riscatto che la nostra città ha avuto a livello nazionale e non solo.Per questo ci auguriamo non solo che al più presto gli organi preposti e le forze dell’ordine facciano luce su ciò che è successo, ma vogliamo ribadire con forza ai presunti ignoti che hanno commesso questa illegalità,  che niente e nessuno potrà scalfire e infangare il nome di Italo Falcomatà e la storia della primavera di Reggio.Chi ha commesso questa illegalità, non è solo un trasgressore della legge, ma è nemico di Reggio.Ad affermarlo per Articolo Uno, sono il Segretario provinciale di Articolo Uno Alex Tripodi, il Presidente del Consiglio Comunale Demetrio Delfino ed il consigliere metropolitano Filippo Quartuccio.

    Condanniamo con sdegno l’azione di danneggiamento che, con estrema viltà, è stata portata a compimento contro la fondazione “Falcomatà”. Chi ha scelto di prendere di mira i locali che ospitano la fondazione, comportandosi come vigliacchi criminali che si muovono di nascosto per la paura di essere scoperti, non ha preso di mira solo la fondazione “Falcomatà”, chi la rappresenta e ciò che rappresenta per la città di Reggio Calabria e per la sua cittadinanza. Chi ha danneggiato quella sede ha sfregiato un’intera città, alla sensibilità dei suoi cittadini. A questi vigliacchi, vorremmo ricordare che la memoria non potrà mai essere cancellata, soprattutto non può essere cancellata con la violenza.Chi scegli di compiere simili, inspiegabili e inaccettabili contro chiunque vengano rivolti, gesti si autoesclude dal vivere civile, si mette ai margini da solo. Dimostra di non avere insito nel suo essere il senso di vita sociale, del vivere in comunità.Rimaniamo fermamente fiduciosi che le Forze dell’ordine con la loro professionalità riusciranno a risalire agli autori dell’insano e vile gesto ed a consegnarli alla giustizia, esprime la propria solidarietà e vicinanza alla famiglia Falcomatà. Santo Biondo Segretario generale Uil Calabria

     

    “La profonda differenza di visione politica rispetto al Sindaco di Reggio Calabria  Giuseppe Falcomatà non mi impedisce di esprimergli pubblicamente la più sincera vicinanza rispetto al deprecabile episodio che la fondazione intitolata alla memoria di suo padre ha subito nelle scorse ore”. Lo afferma, in una nota, il deputato reggino di Forza Italia Francesco Cannizzaro. “Ho appreso poco fa quanto accaduto e vorrei trasmettere al Sindaco una testimonianza di vicinanza dopo un gesto così vile su cui sono certo che verrà fatta al più presto chiarezza. Mi auguro che gli autori del furto vengano assicurati alla giustizia e che i beni della fondazione possano immediatamente tornare ai legittimi proprietari”.

     

    Immaginiamo la scena: vetri rotti, odori acri, arredi distrutti, ambienti a soqquadro. Immaginiamo le sensazioni: rabbia, tristezza, inquietudine, amarezza, sconforto ma non dolore, questo è l’ultimo dei sentimenti e quando arriva ha vinto. L’atto vandalico che ha distrutto la sede della “Fondazione Falcomatá” non ha sortito dolore perché non ha cancellato la memoria. Qualsiasi forma di violenza o criminalità è figlia dell’ignoranza, dell’incapacità, della frustrazione e come tale non può e non vuole riconoscere la bellezza, di qualsiasi forma essa sia. Ma i reggini leali la riconoscono e non la dimenticano! Con un pensiero rivolto  al nostro grande Italo Falcomatá, la Federazione cittadina dei Verdi di Reggio Calabria esprime la piena solidarietà alla città, ai reggini coraggiosi e soprattutto alla famiglia del sempre compianto Italo ed al nostro sindaco Giuseppe Falcomatá. Non avete fatto niente!  Vincenzo arch. Giordano  Consigliere della Federazione Nazionale del Partito dei Verdi Italiani.

     

    Solidarietà al Sindaco da parte della Cisl Fp per la devastazione della sede della fondazione in memoria del padre, Italo Falcomatà. La CISL FP di Reggio Calabria, nelle persone del segretario generale Enzo Sera, del delegato ai rapporti politici e sindacali alla metrocityAdolfo Romeo,nonché del segretario aziendale Felice Fotiesprimono solidarietà incondizionata al sindaco Giuseppe Falcomata,alla sua famiglia ed in particolare alla madre Giuliana Neto,per l’infame e deprecabile atto vandalico, posto in atto presso la sede della fondazione Falcomatà. Nello stigmatizzare taleazione che viola, non solo gli affetti familiari, ma la memoria sacra di un Sindaco amato dai Reggini, la CISL Fp si oppone e condanna con forza l’ingiustificabile gesto.

     

    Appresa sui quotidiani la notizia degli atti vandalici che hanno devastato la sede della fondazione Italo Falcomatà, non possiamo e non vogliamo stare in silenzio rispetto a quanto accaduto.La barbarie, la violenza, l’ignoranza di simili azioni non può che suscitare indignazione e riprovazione in chiunque appartenga ad una comunità che possa essere definita civile in uno stato di diritto.Non sappiamo quale sia il movente né l’obiettivo degli autori di questa ignobile  incursione, ma senza alcun dubbio manifestiamo la nostra sincera solidarietà al Sindaco Falcomatà, nonché figlio dell’ex primo cittadino cui la fondazione è stata dedicata.Ci saranno altre sedi e altri tempi per dibattere sulle differenze di vedute rispetto l’azione amministrativa, ma oggi, a nostro avviso, è importante condannare con un’unica voce l’idiozia ed essere vicini alla persona che ha subito un gesto tanto vile.Ci auguriamo che gli autori vengano puniti al più presto e severamente e, che in futuro, vengano predisposte tutte le misure idonee per garantire una maggiore sicurezza delle persone e dei loro beni. In rappresentanza del MITI Unione del Sud e della sezione Comitato pro aeroporto dello Stretto. Il candidato sindaco Fabio Putortì

     

    La memoria non si distrugge, l’esempio di Italo Falcomatà è impresso nei cuori e nella mente di Reggio Calabria ad affermarlo è il gruppo del Pd al Comune di Reggio Calabria composto da Antonino Castorina, Mimmo Martino, Rocco Albanese, Nancy Iachino, Enzo Marra e Paola Serranò. Nei giorni scorsi ignoti vigliacchi hanno distrutto e devastato la sede della Fondazione Falcomatà, un gesto ignobile e meschino che non cancella il patrimonio storico e culturale di Italo Falcomatà e della sua storia di amore per Reggio Calabria. Il Gruppo Pd al Comune di Reggio Calabria si stringe alla famiglia Falcomatà per il vile gesto subito ai danni della Fondazione Falcomatà. Il messaggio di speranza e di rispetto delle istituzioni tracciato Italo Falcomatà rimane indelebile nel cuore dei reggini ed è il biglietto da visita che rappresenta il presente, il passato ed il futuro di Reggio Calabria così i Consiglieri Comunali del Pd di Reggio Calabria in merito all’atto vandalico subito dalla Fondazione Falcomatà.

     

    Con la complicità del buio i vili assumono coraggio, essendo degli uomini piccoli incapaci di reprimere le proprie debolezze. La vandalizzazione della sede della Fondazione Italo Falcomatà è un  oltraggio alla memoria storica di questa città. Le attività culturali
    con le quali è tenuto vivo il ricordo del compianto Sindaco della città – siamo certi – continueranno con l’intensità e con la capacità sociale  di sempre. Un abbarccio alla moglie Rosetta e ai figli Valeria e Giuseppe. Il Presidente e i dirigenti di Nuova Solidarietà

     

    La Giunta municipale del Comune di Reggio Calabria si stringe attorno al Sindaco Giuseppe Falcomatà e testimonia vicinanza alla famiglia, alla prof.ssa Rosetta Neto ed alla figlia Valeria, per l’ignobile atto perpetrato ai danni della Fondazione Italo Falcomatà, luogo simbolo della sua memoria. I locali della Fondazione Falcomatà non custodiscono soltanto i ricordi legati all’attività di Italo Falcomatà Sindaco, ma rappresentano la storia della nostra Città che in lui vede rispecchiati i valori più alti: la dignità, il coraggio, la determinazione, l’impegno, … Italo Falcomatà, e qualsiasi persona o cosa legata al suo nome, rappresenta la storia di Reggio Calabria. Italo Falcomatà, e qualsiasi persona o cosa legata al suo nome, rappresenta il futuro per la nostra Città. E’ stato colpito un obiettivo sensibile in un momento di emergenza sanitaria universale e grave crisi socio-economica, alla vigilia della Festa della Liberazione. Non sottovalutiamo la pericolosità del gesto! E’ stata devastata l’anima della Città, la coscienza della comunità reggina, che dimostrerà anche questa volta di voler rinnegare episodi oscurantisti e retrivi propri d’altri tempi . Reggio è una Città che ha immenso bisogno della sua gente migliore, ne ha bisogno ogni giorno. A Reggio c’è spazio soltanto per gente perbene e non accetta che vili e meschini possano oltraggiarne la memoria e la sua essenza. Confidiamo che la Magistratura e le Forze dell’Ordine facciano luce sull’accaduto e consegnino alla giustizia gli autori di tale scempio.

     

    Abbiamo appreso in queste ore del raid vandalico che ha devastato la sede della Fondazione Italo Falcomatà, un istituto culturale che nel corso di questi anni ha contribuito, con significative iniziative, allo sviluppo culturale della Città nonché alla raccolta e conservazione di documenti ed altro materiale di carattere storico fondamentale per la storia della città negli anni della rinascita di Reggio Calabria. Al Presidente della Fondazione e al Sindaco Giuseppe Falcomatà la solidarietà e il sostegno dell’Associazione Culturale Anassilaos e di tutti gli amici del sodalizio con l’impegno a contribuire solidarmenteal ripristino  della sede e alla ricostituzione del patrimonio immateriale della Fondazione. Ancora una volta – scrive Stefano Iorfida –la cultura viene presa di mira, quella cultura che, nel momento di difficoltà in cui viviamo, offre ristoro, consolazione e rifugio. Non è la prima volta che avviene nella storia. Dai falò delle vanità di Girolamo Savonarola al rogo dei libri nella Germania nazista in tanti e per ragioni diverse si sono opposti alla cultura allo scopo di condurre l’uomo ad un pensiero unico e imbrigliare l’umanità. Riteniamo che ciò non sia possibile e ci batteremo con tutte le nostre forze perché ciò non avvenga mai.

     

    La Federazione provinciale reggina del Partito Socialista Italiano esprime solidarietà al Sindaco Giuseppe Falcomatá, ed alla famiglia, per l’atto vandalico compiuto presso la sede della Fondazione Falcomatá. Riteniamo che la politica debba orientare i propri obiettivi ad azioni positive esemplari. La figura di Italo Falcomatá rappresenta per tutti noi un esempio umano e politico non replicabile e per tale ragione il gesto compiuto assume un disvalore assoluto da condannare con ogni mezzo a nostra disposizione. Primo fra tutti la Resistenza di fronte alla deriva dei valori fondamentali del rispetto e del vivere civile. Il segretariato provinciale Giovanni Milana.

     

    Non ci sono altre parole per definire il vile gesto compiuto nei giorni scorsi ai danni della fondazione Italo Falcomatà, e avverso tutta la cittadinanza di Reggio Calabria.
    Italia Viva Reggio Calabria, manifestano la propria indignazione condannando un gesto che  offende non solo la memoria e la famiglia del compianto sindaco Italo Falcomatà, ma la storia di un’intera città, la cui dignità però non sarà minimamente scalfita dalla cattiveria ed ignoranza di qualche balordo.
    Vicini al sindaco Giuseppe Falcomatà che degnamente rappresenta suo padre, la sua famiglia, la sua città.   ITALIA VIVA REGGIO CALABRIA

     

    Solidarietà del presidente del consiglio regionale Domenico Tallini al sindaco di Reggio Calabria per gli atti vandalici alla sede della Fondazione Italo Falcomata.”Episodio grave e preoccupante. Nell’esprimere, a nome mio personale e dell’Assemblea regionale che rappresento, solidarietà al sindaco di Reggio Calabria ed alla sua famiglia per la devastazione della sede della Fondazione Italo Falcomatà, mi auguro che i responsabili siano individuati e consegnati alla giustizia. In questa fase di terribile crisi economica e di disorientamento generale che per molti aspetti evocano alte drammatiche crisi sociali del passato, ci sarebbe bisogno di comportamenti responsabili e ispirati al massimo rispetto delle basilari regole della convivenza civile, piuttosto che di vandalismi cosi deplorevoli che generano sconcerto e indignazione”

     

    “Chi ha devastato la sede della Fondazione Italo Falcomatà è un vigliacco perché ha colpito una eccellenza di Reggio Calabria impegnata nella solidarietà, nella ricerca, nella cultura, nello sport e nell’integrazione sociale”. Lo dichiara il commissario regionale del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano. “A  Giuseppe Falcomatà tutta la solidarietà della comunità democratica calabrese. Auspichiamo che gli autori di questa azione siano al più presto individuati”.

     

    “Ho telefonato, appena saputo del vile gesto compiuto a danno della fondazione “Italo Falcomatà” al sindaco e figlio Giuseppe Falcomatà per esprimergli tutta la mia vicinanza e solidarietà”. Il senatore reggino Marco SICLARI mette da parte ogni posizione politica per abbracciare una ferma condanna a chi “ha tentato di infrangere il ricordo di Italo Falcomatà, un esempio di uomo e di amministratore che nessun raid potrà mai cancellare dalla mente di chi lo ha conosciuto. Sono convinto che i reggini onesti e perbene che sono la stragrande maggioranza, metteranno all’angolo chi compie gesti così deprecabili. A Giuseppe va il mio sostegno nella consapevolezza che questo dolore renderà ancora più vivida la memoria di un uomo e un sindaco che ha contribuito a rendere Reggio migliore”, ha concluso il senatore azzurro.

     

    I Consiglieri comunali di Maggioranza  del Comune di Reggio Calabria si stringono attorno al Sindaco Giuseppe Falcomatà ed a tutta la sua famiglia , per il vile attentato perpetrato ai danni della Fondazione Italo Falcomatà, luogo di incontro e di formazione umana , sociale ed istituzionale. La Fondazione Falcomatà custodisce i valori della Primavera di Reggio, di un impegno genuino e libero, di battaglie di civiltà e di democrazia che hanno unito tutti in un sentimento comune. Reggio è una Città che non dimentica affermano i consiglieri comunali di maggioranza a Palazzo San Giorgio. Nel condannare senza appello chi ha  oltraggiato la memoria di Reggio Calabria confidiamo nel prezioso lavoro  che la Magistratura e le Forze dell’Ordine stanno portando avanti per fare luce su quanto accaduto. La maggioranza di Palazzo San Giorgio proseguirà il suo percorso tenendo saldi i valori e le idee di Italo Falcomatà e condannando tutte le azioni ignobili e meschine che provano a cancellare gli indelebili sentimenti presenti nei cuori di ognuno di noi.

    “Offendere la memoria storica è un danno che si fa alle giovani generazioni.” E’ quanto ha affermato, a seguito delle azioni vandaliche nella sede della Fondazione Falcomatà, Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, aggiungendo: “Ci sono uomini che hanno dato se’ stessi per costruire una civiltà migliore e Italo Falcomatà è tra questi. Si può essere stati avversari politici, si è potuti avere una visione antitetica, ma non si può gettare nel fango un patrimonio comune”. Ancora Marziale: “A Giuseppe, attuale sindaco, la mia vicinanza emotiva e ai fautori dell’ignobile gesto tutto il mio disprezzo domandandomi, qualora avessero figli o fratelli piccoli, con che coraggio riescano a guardarli negli occhi”.

    “La devastazione della sede della fondazione ‘Italo Falcomatà’ è uno sfregio all’intera città di Reggio Calabria. Un episodio criminale che, soprattutto per la scelta dell’obiettivo preso di mira, non deve essere derubricato a opera di balordi e su cui vanno accertate al più presto le responsabilità”. Lo afferma il consigliere regionale calabrese del Partito Democratico Nicola Irto, che prosegue: “Esprimo ferma condanna per questo grave e vile atto, che assume un significato inquietante perché rivolto ai danni della Fondazione che, attraverso un’azione politico-culturale di alto livello, da anni alimenta la memoria del Sindaco della ‘Primavera di Reggio’. Un momento storico nel quale la città conobbe una svolta sociale, dopo lunghissimi anni di buio, e che rappresenta ancora oggi un punto di riferimento per il popolo reggino. Ho sentito il sindaco Giuseppe Falcomatà e ho espresso a lui e alla sua famiglia – conclude Nicola Irto – i miei sentimenti di amicizia, vicinanza e solidarietà per quello che è stato un raid in piena regola e che ha causato l’indignazione di tutti i reggini”.

    Il Movimento Politico “Reggio Civica” ha appreso con sgomento le notizie in merito agli accadimenti che hanno riguardato la sede della Fondazione “Italo Falcomatà”.
    Siamo sbigottiti nell’apprendere che siano stati depredati le foto i documenti, le targhe e i premi; e che sono stati, vilmente, imbrattati i muri, divelte le porte, rotte le finestre, e sfregiati i quadri . E’ stata offesa la memoria di una intera comunità, quella dei cittadini di Reggio Calabria
    Questo gesto codardo , probabilmente , intendeva minacciare il Sindaco Falcomatà. Ma questi personaggi hanno offeso, anche, la memoria della nostra città, hanno oltraggiato la memoria e il ricordo di Italo, Sindaco di TUTTI i Reggini. Il Sindaco che per Reggio Calabria avrebbe dato e ha dato la sua vita.
    Il Coordinatore e il Coordinamento di Reggio Civica esprimono la propria vicinanza alla Famiglia Falcomatà, al Sindaco e all’Amministrazione comunale. Non siete soli!
    Questi spregevoli gesti non saranno mai tollerati dal popolo Reggino. “ No Pasaràn!”
    Il Coordinatore Cittadino
    Giuseppe IELO

     

    L’Arci provinciale di Reggio Calabria esprime una ferma condanna per l’inaccettabile e barbaro gesto che colpisce non solo la famiglia Falcomatà ed i volontari della Fondazione ma ferisce l’intera comunità di Reggio Calabria. Se la vandalizzazione della sede della Fondazione vuole essere l’illusorio tentativo di rimozione del ricordo del sindaco Italo Falcomatà, dell’eredità morale e dell’esempio indelebile di riscatto e legalità della nostra città che egli rappresenta – lo afferma l’Arci Reggio Calabria- esso non potrà sortire alcun effetto. Confidiamo nell’operato delle Forze dell’Ordine affinché vengano individuati al più presto gli autori di tale vile azione.

     

    Il Consigliere regionale e parlamentare di Forza Italia Domenico Giannetta “condanna il vile atto perpetrato ai danni della Fondazione Italo Falcomatà”. “È un gesto orribile che ferisce la storia di Reggio Calabria. Esprimo – continua Giannetta – vicinanza a Giuseppe Falcomatà, rappresentante della Città Metropolitana di Reggio Calabria costretta ad assistere a una violazione così inaccettabile dei simboli della propria memoria”.  “La memoria ha un valore fondamentale nella storia delle persone e dei popoli, un valore – conclude Giannetta – che non può essere oltraggiato ed offeso da comportamenti ignobili che non dovranno più ripetersi”.

    Così Jole Santelli, presidente della Regione Calabria:”Colpisce e indigna la devastazione subita dalla Fondazione dedicata ad Italo Falcomatà. Un uomo, un politico la cui memoria è profondamente legata alla città dal chilometro più bello d’Italia e alla Calabria tutta.

    Alla signora Rosa, che presiede la Fondazione e alla famiglia il senso della mia vicinanza in questo triste momento unitamente all’invito a continuare nel ricordo di Italo, che fu simbolo della Primavera di Reggio.

    A me piace ricordarlo con le sue stesse parole “Io non mi piegherò ma tu, Dio mio, dammi il coraggio di affrontare la sera”. Parole che oggi risuonano più che mai attuali”.

    Il Commissario Massimo Ripepi unitamente al Coordinamento e i Circoli della Federazione Città Metropolitana di Fratelli d’Italia esprimono solidarietà al primo cittadino e alla sua famiglia. La devastazione perpetrata a danno della Fondazione intitolata a Italo Falcomata’, Sindaco di Reggio Calabria dal 1993 al 2001,  è un gesto vergognoso, qualunque sia stata la inspiegabile e ingiustificabile causa scatenante, che indigna l’intera comunità reggina. Non c’è distanza politica, laddove è giusto riprovare la meschinità di chi ha voluto sporcare il ricordo di Italo Falcomatà.

    La Federazione ringrazia le Forze dell’ordine per quanto certamente faranno per assicurare i colpevoli alla giustizia.

    La CNA di Reggio Calabria esprime la propria indignazione per l’azione vandalica nei confronti della Fondazione Falcomatà e dell’intera comunità reggina. Il mondo delle imprese, in queste ore di sgomento, ricorda con immutabile giudizio l’attività di Italo Falcomatà a favore della crescita culturale ed economica della città di Reggio. L’organizzazione dell’artigianato e delle piccole imprese reggine, nella certezza che la sede della fondazione riprenderà presto la sua attività, esprime solidarietà e vicinanza al sindaco Giuseppe Falcomatà e alla sua famiglia.

    La FP CGIL Reggio Calabria – Locri esprime piena vicinanza e solidarietà al Sindaco Giuseppe Falcomatà e a tutta la comunità di Reggio Calabria offesi dagli atti vandalici perpetrati, negli ultimi giorni, nella sede della Fondazione Italo Falcomatà.

    Condanniamo fermamente chi si è reso artefice di un’azione così vile e deprecabile.

    Il registrare, ancora oggi, episodi simili evidenzia come la Reggio bella e civile che si caratterizza per i suoi cittadini onesti disturba ed è vista come un ostacolo da chi vive di ‘altro’ e tenta di dequalificare, in tal maniera, un’intera città pensando di o, probabilmente, desiderando di poter cancellare la sua storia, rendendola forse il regno di nessuno.

    La segreteria FP CGIL respingendo ogni tipo di violenza e sopruso alle persone e alla memoria della nostra terra, si stringe, intorno alla famiglia Falcomatà, consapevole dell’alto valore affettivo e simbolico ricoperto dalla Fondazione, nata non soltanto per onorare la memoria del Sindaco Italo Falcomatà, il più amato nella storia della nostra città, che diede inizio alla cosiddetta ‘Primavera di Reggio’, in prima linea nel combattere contro la mafia per dare una nuova speranza di cambiamento ai suoi concittadini, ma, altresì, per portare avanti la sua volontà di incentivare la crescita culturale, l’integrazione sociale, incrementare la ricerca scientifica e il coinvolgimento dei giovani per costruire un futuro migliore.

    Nell’auspicare, pertanto, che i responsabili di un gesto così ignobile e grave vengano assicurati presto alla giustizia, confidando nell’azione, sempre puntuale, delle forze dell’ordine, che sapranno certamente far luce su quanto accaduto e individuarne gli artefici, invitiamo il mondo politico e la cittadinanza tutta a sposare il pensiero del Sindaco Italo Falcomatà “L’esempio è la fonte del pensiero successivo”.

    L’associazione “Il Cuore di Medea Onlus” si unisce alla famiglia di Italo, ai membri della “Fondazione Italo Falcomatà” e a tutti i reggini onesti nel condannare fermamente l’infame atto di devastazione della sede. La fondazione, nata per onorare la memoria dell’amato Italo, ha come mission la crescita culturale della città e l’aiuto alla ricerca scientifica, attraverso l’istituzione di borse di studio, premi e numerose attività. Italo è riuscito ad unire Reggio Calabria grazie al suo grande cuore ed alla sua capacità di ascoltare e di farsi “ponte” per consentire il costante dialogo tra le diverse anime della città. Confidiamo nell’operato delle forze dell’ordine perché facciano presto luce su un gravissimo episodio che ferisce tutta la cittadinanza. “ L’esempio è la fonte del pensiero successivo ” diceva Italo e lui, con la sua vita, è stato ed è ancora fonte d’ispirazione per l’intera comunità Reggina.

    “Un’azione sporca e vigliacca! – queste le parole di Silvana Velonà, Presidente dell’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria, a commento del gravissimo atto vandalico che ha devastato la sede della Fondazione Italo Falcomatà -. Voglio far giungere al Sindaco Giuseppe Falcomatà e alla famiglia, la mia solidarietà e quella di tutta l’Accademia. Questo deprecabile atto rappresenta tutto ciò che va combattuto con ogni mezzo, perché palesa totale assenza di valori e ideali. È un atto vile, perché ha inteso colpire la memoria di una persona che non c’è più, e che tanto ha dato a questa città, non solo come amministratore, ma anche come uomo. È un atto grave perché attacca un ideale di legalità, correttezza, altruismo. La mia speranza è che molti degli oggetti si possano recuperare perché cari ricordi di famiglia, prima ancora che testimonianza storica del nostro passato, e che gli autori di cotanto scempio possano presto essere assicurati alla giustizia. Al nostro Sindaco e a tutta la sua famiglia giunga il sostegno e l’ideale abbraccio del direttivo dell’Accademia”.

     

    «La memoria di Italo Falcomatà non sarà sporcata dai balordi che hanno devastato la sede della Fondazione a lui intitolata, ma il vile gesto che hanno compiuto è grave e merita di essere condannato con fermezza». È quanto dichiara Pippo Callipo, capogruppo di “Io resto in Calabria” in Consiglio regionale, che sottolinea: «Esprimo al sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e a tutta la sua famiglia, la mia più sentita vicinanza. Tutti i reggini e i calabresi per bene sono e saranno al loro fianco nel difendere il ricordo di un uomo che ha lasciato un segno indelebile nella storia di questa terra».

     

    La devastazione della sede della Fondazione Falcomatà a Reggio Calabria è un atto inquietante e osceno, perpetrato da balordi che, intenzionalmente o meno, con la loro azione codarda hanno offeso un’intera città e colpito uno dei simboli più lucenti della buona politica calabrese.
    Al sindaco Falcomatà e alla sua famiglia va la mia solidarietà sincera. Sono certo che quest’ennesimo episodio di violenza rafforzerà ancora di più il senso civico e il rispetto delle istituzioni da parte dei reggini onesti.È quanto afferma il senatore di Forza Italia e componente della commissione parlamentare Antimafia Giuseppe Mangialavori.

    “Esprimo solidarietà al Sindaco Giuseppe Falcomatà e alla sua Famiglia. 

    Quanto ieri appreso dalla diretta Facebook, è l’ennesimo atto intimidatorio a cui assistiamo in questa nostra città, nello specifico in questa circostanza presso i locali della Fondazione Italo Falcomatá sita in Via Reggio Campi; il tutto però non può passare inosservato, è necessario uscire dai luoghi comuni, e tutto ciò non può che confermare maggiormente, che la strada per arrivare ad una maggiore coscienza civica nel nostro territorio, ancora è lunga. 

    Bisogna lavorare per uno sviluppo maggiore di Reggio Calabria sotto tutti i profili, soprattutto culturale, tutti dobbiamo fare la propria parte.

    Non ci sono colori politici che dividono quando accadono simili situazioni, quanto accaduto presso la Fondazione Italo Falcomatà, deruba tutti Noi di una parte della storia Reggina.”Dott. Carmelo Versace – Ex Consigliere della IV Circ.

    “L’atto vandalico che la Fondazione Italo Falcomatà ha subito, è autentico segno di viltà e indegnità morale per coloro i quali si sono macchiati del compimento di questo gesto, soltanto dimostrativo di elementi inaccettabili di sub-cultura e degrado etico senza confini.

    Per questo motivo, colpiti dall’insidiosità criminale della triste vicenda rispetto al tentativo gravemente offensivo di sbiadire il ricordo dell’opera umana e politica del compianto Sindaco di Reggio, e rispetto a cui ci sentiamo profondamente indignati come cittadini e amministratori, esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla famiglia Falcomatà e al Sindaco di Reggio Calabria.

    Auspicando che i responsabili di questo atto riprovevole siano assicurati al più presto alla giustizia, grazie alla solerte e sapiente attività delle forze dell’ordine, il nostro desiderio è che vicende di questa portata non debbano più a verificarsi nel futuro della Città”.

    E’ quanto affermano i Consiglieri Comunali del gruppo consiliare di Forza Italia a Palazzo San Giorgio, Mary Caracciolo, Lucio Dattola e Pasquale Imbalzano.

     

    Vandalizzare un luogo che conserva la memoria degli affetti della famiglia Falcomatà e dei tanti Reggini che hanno apprezzato il ruolo e le azioni di Italo è un’azione indegna, infame. Una città che promuove le basi della convivenza civile e democratica non può permettersi di sopportate gesti tanto insensati quanto volgari. La speranza è che i colpevoli vengano subito individuati e messi nelle condizioni di espiare le responsabilità e chiedere scusa. Le battaglie per una piena coscienza del valore assoluto della legalità le condividiamo da sempre con l’amico Giuseppe e, pur nelle tante differenze politiche,  gli siamo accanto con piena testimonianza di solidarietà. Emiliano Imbalzano Consigliere Lega Calabria con Salvini Premier Reggio Calabria metropolitana

     

    Noi dell’associazione ReteSociale della città di Reggio Calabria, con un comunicato congiunto del nostro presidente Bruno Monorchio e della vicepresidente Luisa Romeo, ci stringiamo e mostriamo vicinanza ai soci della fondazione “Italo Falcomatà”, alla famiglia dell’ex sindaco della Primavera di Reggio e in particolare al figlio Giuseppe.

    Come associazione attiva sul territorio, non possiamo che manifestare il nostro sdegno e la nostra rabbia per ciò che è accaduto nella sede della “Fondazione Italo Falcomatà”. Un gesto deplorevole che tocca il cuore non solo della famiglia Falcomatà, a cui noi ci sentiamo vicini e manifestiamo proprio questa vicinanza, ma di un’intera città sia per il gesto che per il simbolo di ciò che è stato fatto. Il ricordo di un ex amministratore, di un periodo della nostra Città e di anni passati d belli, volutamente danneggiati ma non distrutti, poiché le idee e i sogni continueranno a vivere e non sarà un vile gesto di pochi a spegnare il fuoco vivo della speranza. Non passerà mai ciò che il Bene e quel ricordo ha lasciato nella nostra città tra idee, opere e azioni! Il bene prevale sempre!

    In un momento storico come quello che stiamo vivendo in cui siamo tutti accumunati da un senso di unione e fratellanza contro un nemico invisibile, fatti come questo accaduto ci ricordano che il “male” non è solo oscuro ma ha anche le sembianze dei nostri concittadini. Solo qualche giorno fa, avevamo mostrato il disappunto in toto sulle frasi, poco opportune e ingiuriose verso il Meridione, del giornalista Feltri, accusandolo di mettere a rischio l’idea di unità e di essere promotore di idee dannose, e a distanza di qualche giorno subito un fatto che scuote le coscienze e i cuori di tutti! Un fatto e una condanna che non conosce idee o colori politici e che porta solo danno all’idea di Sud e di Reggio Calabria i suoi cittadini tentano, con grandi rischi, ogni giorno di portare avanti! Il Sud e Reggio non siete voi! Scegliamo oggi di condividere questo nostro pensiero di condanna e vicinanza, non a caso il 25 Aprile, affinché il ricordo dell’avvenimento storico che si celebra oggi porti riflessione a molti nostri coincittadini, poiché il 25 Aprile non è solamente una data o un ricordo della sconfitta nazifascista o un ricordo di una parte di Italia, oggi è la festa che celebra Tutti e tutte le lotte contro ignoranza, dogmi, tirannide, dittatura e ricorda il coraggio e la forza di nostri confratelli che nel passato si sono sacrificati, lottando e morendo, per Democrazia e libertà. Non vi è vera libertà se non si riscopre il vero senso della cittadinanza attiva e del rispetto del prossimo e aspettando l’eventuale ritorno nelle strade e quindi un’altra forma di libertà, invito tutti a riflettere su ciò che esprimiamo oggi! Il 25 Aprile è oltre e serva anche questo ricordo affinché non ci siano più episodi irrispettosi e indegni come quello subito dalla Fondazione Italo Falcomatà!

    #nonciavetefattoniente vicini alla famiglia e alla nostra Città!Retesociale c’è!😢#unitisivince

     

    La devastazione della sede della Fondazione Falcomatà non può essere derubricatacomeun mero atto vandalico. Invero è espressione di disprezzo e violenza verso un pensiero, uno stile, un modelloconsiderato da alcuni “diverso”, e quindi sbagliato, colpevole, da colpire.

    Perché  è  evidente che quotidianamente ormai nel nostro Paese si usino espressioni violente per attaccare chi esprime pensieri diversi. Questo si cela  dietro i sentimenti antimeridionali e razzisti, ossia il pericolo di estremismi e  rigurgiti fascisti e xenofobi.

    Dobbiamo impegnarci insieme per un cambiamento del Paese:  ripartire dal lavoro, dalle famiglie, dal sentire civile; e dunque bene hanno fatto tutte le forze politiche a stigmatizzare l’ignobile gesto perché è essenziale pensare che la violenza non sia un metodo riconducibile a nessuna forza partitica e politica.

    Colpire la Fondazione Falcomatà è stato sferrare uno schiaffo alla famiglia del compianto Italo, alla città e a tutte quelle donne e uomini che credono nella democrazia. Per queste ragioni oltre che al Sindaco di Reggio e alla sua famiglia, esprimo la mia solidarietà a tutti coloro che oggi festeggiano il 75° anno dalla “Liberazione” dal Governo fascista e dall’occupazione nazista. Gregorio Pititto Segretario generale della CGIL di Reggio Calabria – Locri

    “Profonda indignazione per la devastazione subita dal centro della Fondazione “Italo Falcomatà”. Si tratta di un gesto vigliacco che, sono certo, non fermerà il prezioso lavoro portato avanti in questi anni. Il mio abbraccio e la mia vicinanza alla famiglia Falcomatà e a chi opera in questa importante realtà della Calabria”.
    Così il Senatore IV, Ernesto MAGORNO.

    Il Circolo Rhegium Julii esprime la propria solidarietà alla Fondazione Italo Falcomatà per il vile atto intimidatorio con danni alle cose perpretato presso la sua sede sociale.

    Il gesto inqualificabile colpisce ingiustamente non solo i sentimenti di una famiglia, ma l’impegno storico-culturale portato avanti dagli associati che hanno lavorato a lungo per rafforzare la memoria di ciò che una città intera non può dimenticare.

    La libertà si conquista anche con atti di civiltà, di tolleranza e di giustizia e questo, spiace dirlo, non appartiene al gesto di chi si è macchiato di un così grave gesto di violenza.

    Auspichiamo che il futuro ci riservi diversi e nuovi esempi di generosa convivenza civile e culturale perché questo non sia considerato il tempo dell’assenza, dell’odio e della disumanità.

    Nuccio Pizzimenti, solidarietà al Sindaco Falcomatà e famiglia. Condanno il vile gesto, alla sede della Fondazione Italo Falcomatà.Al Sindaco Giuseppe Falcomatà e alla famiglia,  giunga la mia piena solidarietà.Mi auguro, che i responsabili di questo atto vandalico vengano individuati al più presto .

    La Castore Servizi Pubblici Locali S.r.l., società in house del Comune di Reggio Calabria, in tutte le sue componenti aziendali, sente il dovere civico di comunicare alla Fondazione Italo Falcomatà, rendendone partecipe la cittadinanza, sentimenti di vicinanza e di profonda amarezza per l’evento delittuoso occorso nelle scorse ore e che ha comportato gravi ed irreparabili danni alla sede della Fondazione presso la quale erano custoditi oggetti della memoria di inestimabile valore.

    La natura stessa della propria missione, che pone la Castore tra i principali attori nelle politiche di miglioramento della qualità della vita di Reggio Calabria, offrendo servizi di manutenzione e ripristino dei beni comuni, rende doverosa la stigmatizzazione di questo atto vandalico e ignobile compiuto da parte di ignoti che si spera vengano presto individuati e perseguiti dalle autorità competenti.

    La comunità cittadina di Reggio Calabria, in larga prevalenza onesta e operosa, non merita di essere umiliata e colpita al cuore ed è per questo che la Castore, in quanto entità proattiva al servizio della città, sente di comunicare solidarietà ai familiari del compianto Sindaco della primavera reggina ed alla Fondazione Italo Falcomatà, augurando che possa al più presto riprendersi da questo duro c