• Home / CITTA / Reggio Calabria / Filt-Cgil e Fit-Cisl Calabria a Falcomatà: “L’aeroporto dello Stretto si doveva difendere prima”
    aeroporto-scalo-rc

    Filt-Cgil e Fit-Cisl Calabria a Falcomatà: “L’aeroporto dello Stretto si doveva difendere prima”

    “Ancora una volta il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, non perde l’occasione per dimostrare la sua incapacità amministrativa e la sua mancanza di visione politica, in un momento di grave e delicata emergenza sanitaria per il Paese. In un messaggio video alla cittadinanza il Sindaco ha criticato la scelta del governo, condivisa dalle Regioni, di lasciare aperto un solo aeroporto per ogni regione italiana, in una situazione di drastica riduzione dei voli e dei passeggeri, anche per evitare contagi garantendo comunque l’essenziale mobilità aerea.

    I Sindacati nazionali, che stanno agendo con il massimo di responsabilità, hanno sottoscritto in queste ore con il Governo e le parti datoriali un “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro” oltre a garanzie salariali in grado di coprire i redditi di tutti anche nei settori non coperti dalla cassa integrazione e persino dei lavoratori precari e stagionali. Tutto ciò anche per evitare che a fine emergenza le aziende che operano nei servizi pubblici essenziali subiscano contraccolpi e, quindi, possano far ripartire il Paese. Con la Sacal stiamo definendo la data dell’incontro per garantire la cassa integrazione ai lavoratori di tutti e tre gli scali calabresi. Ma la cosa che più ci preoccupa è che il Sindaco di Reggio chiede, solo ora in questa situazione di emergenza sanitaria, l’apertura dello scalo dello Stretto, mentre ha solo espresso parole vuote quando doveva difendere dal licenziamento i lavoratori della ex Sogas derivato da un Piano industriale non applicato dalla Sacal e, soprattutto, quando ha scelto di non acquisire quote societarie della Sacal accampando scuse che abbiamo già provveduto a sconfessare con dovizia di particolari e che, invece, gli avrebbe consentito di avere voce in capitolo nelle scelte societarie sul futuro del “Tito Minniti”. Non lo ha fatto e per questo si è assunto una grave responsabilità.