• Home / CITTA / Reggio Calabria / Crisi agli imbarcaderi di Villa, il M5s: «Si facciano tutti i controlli necessari»

    Crisi agli imbarcaderi di Villa, il M5s: «Si facciano tutti i controlli necessari»

    «Si facciano tutti i controlli necessari e poi, valutando caso per caso, si permetta alle persone bloccate agli imbarcaderi di Villa San Giovanni di rientrare nelle loro abitazioni, dove dovranno essere sottoposti a quarantena vigilata. Ci risulta che il prefetto di Reggio Calabria stia monitorando attentamente la situazione, che è perfettamente sotto controllo».
    È quanto affermano le portavoce del Movimento 5 stelle alla Camera e al consiglio comunale di Villa San Giovanni, Federica Dieni e Milena Gioè, in merito alla situazione in atto nella cittadina dello Stretto, dove a decine di famiglie non in regola con le disposizioni governative per il contenimento dell’epidemia da Covid-19 è stato impedito di raggiungere Messina.
    «È una situazione incresciosa, ma una soluzione va trovata al più presto, anche perché – evidenziano Dieni e Gioè – i viaggiatori bloccati continuano a sostare a Villa San Giovanni, con tutti i rischi connessi al caso. Ecco perché è necessario che a queste persone, dopo controlli adeguati, sia consentito di far ritorno nelle loro abitazioni, dove dovranno attenersi alle norme di isolamento previste in queste circostanze».
    «È tuttavia doveroso – continuano – ricordare l’importanza di rispettare l’ordinanza dei ministri della Salute e dell’Interno che vieta i trasferimenti da un comune all’altro, salvo che per comprovate esigenze lavorative e di salute. È altresì necessario aumentare i controlli delle forze dell’ordine affinché sia data piena applicazione all’ordinanza regionale che impedisce movimenti in entrata e in uscita dalla Calabria. Tutti i cittadini devono rispettare le regole in modo da evitare che la situazione si complichi ulteriormente».
    «Il nuovo decreto anti-Coronavirus a cui sta lavorando il governo – concludono Dieni e Gioè – potrebbe prevedere misure ancora più stringenti proprio alla luce del numero ancora molto alto di violazioni registrate in tutta Italia».