• Home / CALABRIA / Coronavirus, Reggio Calabria – Modificati termini e modalità di pagamento TARI e servizio Idrico Integrato

    Coronavirus, Reggio Calabria – Modificati termini e modalità di pagamento TARI e servizio Idrico Integrato

     La Giunta comunale su proposta dell’Assessorato alle Finanze e Tributi, ha ritenuto necessario operare un rinvio del pagamento per tutti i tributi, corrispettivi e imposte i cui termini possono essere autonomamente fissati dall’Ente ( Tari e corrispettivi del Servizio Idrico Integrato).

    La misura è rivolta a sollevare i cittadini rispetto alle incombenze procedurali altrimenti dovute a stretto giro e nel contempo sostenere le aziende del commercio, del turismo e dei servizi che stanno andando incontro a drastici cali di incassi e di fatturato a causa dell’emergenza  Covid19.

    L’esecutivo di Palazzo San Giorgio ha inoltre disposto di riorganizzare il sistema, diversificando i termini di pagamento, che di norma sono fissati in maniera uniforme per l’intera platea di utenti/contribuenti.

    Si procederà pertanto ad articolare e individuare la data di scadenza del pagamento per gruppo di destinatari.

    Alla luce dei regolamenti comunali e considerato che l’ Ente ha in corso l’esecuzione del piano di riequilibrio di cui all’articolo 243 bis del Tuel, la Giunta all’unanimità ha deliberato di:

    1. consentire la diversificazione delle scadenze di pagamento attraverso lo scaglionamento, nell’esercizio finanziario 2020, dell’invio degli avvisi di pagamento afferenti alla Tassa rifiuti e delle fatture per il corrispettivo del servizio idrico integrato, entro il termine massimo del 31/12/2020;

    2. disporre che non possano essere stabilite scadenze prima del 30/04/2020;

    3. diversificare, per il corrente ciclo di fatturazione del Servizio Idrico Integrato, il consueto unico termine di pagamento, rateale ovvero in un’unica soluzione, articolando ed individuando la data di scadenza del pagamento per gruppo di destinatari, stabilendo, per di più, che ciascuno di questi debba essere formato da un numero di destinatari compreso tra 15 e 20 mila per un massimo di quattro lotti;

    4. differire i termini di pagamento della TARI per l’anno 2020 di cui all’articolo 38 comma 1 del vigente Regolamento, con scadenze che saranno oggetto di successivo atto deliberativo;

    5. individuare, ad ogni modo, per il pagamento del saldo 2018 acconto 2019 del corrente ciclo di fatturazione per il SII una data di scadenza non sovrapposta alle scadenze della TARI 2020.

    6. riservarsi, in merito, l’adozione di tutti gli atti in conformità alle future ed intervenute specifiche disposizioni normative nazionali;