• Home / Primo piano / Coronavirus Reggio Calabria, Falcomatà: ‘Fino ad ora risultati insperati, quello che succede a Villa li mette in pericolo. Chiedo più tamponi possibili’

    Coronavirus Reggio Calabria, Falcomatà: ‘Fino ad ora risultati insperati, quello che succede a Villa li mette in pericolo. Chiedo più tamponi possibili’

    “Questi sacrifici stanno portando risultati insperati. I contagi diminuiscono di giorno in giorno e non possiamo permettere che vengono vanificati dall’incompetenza e dall’irresponsabilità degli altri. Quello che è successo a Villa San Giovanni mette a rischio la nostra incolumità e non possiamo permettercelo”.

    Così Giuseppe Falcomatà ha manifestato rabbia per le persone che non possono accedere in Sicilia per scelte provenienti dagli enti locali siciliani.

    “Quello – ha proseguito –  che è successo ieri non deve più succedere. Sono rientrate in Sicilia 150 persone, 80 sono al piazzale degli imbarchi. Devono rientrare in Sicilia oggi. Hanno violato leggi e normative. E’ giusto che vengano applicate sanzioni, multe e quarantena, ma è importante giungano nella loro destinazione finale. Sono siciliani. Tra queste sanzioni non c’è il sequestro di persona e la violenza privata. Ieri ho assistito a situazioni drammatiche per un padre di famiglie”.

    “La soluzione – ha evidenziato –  è una: avete fatto caso a quante milioni di persone si sono mosse in Italia senza valido motivo ?  L’unico caso in cui non è successo è stato di Villa San Giovanni.  Sappiamo dove sono dirette queste persone in Sicilia. E’ importante che ognuna di loro raggiunga la loro destinazione e una volta arrivate in quelle città le autorità preposte commino quanto previsto”.

    “Faccio appello – ha concluso  affinché si facciano il più alto numero di tamponi possibili, partendo dagli agenti di polizia, dai lavoratori nei supermercati e quant’altro. Solo così riusciremo dati che siano il più possibile verosimile. Va fatto qui e ora”.

    Ecco il video:

     

     

    Emergenza coronavirus 25 marzo

    Quello che sta succedendo a Villa è una vergogna nazionale. E purtroppo non è ancora finita, vi aggiorno.

    Pubblicato da Giuseppe Falcomatà su Mercoledì 25 marzo 2020