• Home / Primo piano / Coronavirus, docente oggetto di fake: “Fatto gravissimo, non abbiamo capito gravità situazione”

    Coronavirus, docente oggetto di fake: “Fatto gravissimo, non abbiamo capito gravità situazione”

    “Mi hanno chiamato per dirmi che stava girando una fake news sul mio conto. Un avviso sulla pagina dell’Universita’ secondo il quale risultavo contagiato dal Covid-19, ma la notizia era assolutamente falsa”.

    A dirlo all’ANSA e’ il docente dell’Universita’ di Reggio Calabria, Francesco Buccafurri che smentisce ufficialmente, insieme alla facolta’, la notizia. “L’autore – ha spiegato il docente di informatica – non ha hackerato il sito web, ne ha solo ricostruito l’immagine postandola su un social e poi il passaparola ha fatto il resto”. Buccafurri ha deciso di denunciare il fatto “estremamente grave – ha aggiunto – anche perche’ non solo danneggia il destinatario della fake news che sono io, ma procura allarme sociale ed e’ una cosa di una gravita’ enorme in questo momento.

    Un vero e proprio atto criminoso che evidenzia come la gente non abbia capito la serieta’ della situazione in cui siamo”. Uno “scherzo” orchestrato ai danni di un docente che appartiene alla stessa facolta’ reggina che e’ stata colpita realmente dal Coronavirus con un paziente positivo, ora in buone condizione e a casa in quarantena. “Certo – ha detto ancora Buccafurri – loro hanno sfruttato questa situazione e la notizia ha fatto piu’ presa, perche’ l’immagine e’ stata quella dell’infezione che si era gia’ diffusa, quindi non so se alla fine procederemo anche come ateneo. Non e’ il momento di scherzare su queste cose”. Il professore ha anche rivolto un appello agli studenti che in questo periodo non stanno frequentando l’universita’. “Tutti noi che siamo coinvolti nella gestione dell’attivita’ istituzionale – sostiene – abbiamo una percezione piu’ chiara della situazione che e’ seria. Questo e’ il momento di stare a casa. Non per commettere questi atti gravi, certamente, ma per studiare. Stiamo avviando i corsi online, perche’ l’attivita’ didattica non si puo’ fermare. Il nostro ruolo e’ di responsabilita’ e sottolineiamo e sottoscriviamo l’appello del governo: non ha nessun senso non seguire in maniera ferrea le indicazioni che ci vengono date e vado oltre, risparmiate uscite in questo periodo e cercate di avere il minimo contatto sociale”.(ANSA)