• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, l’associazione ‘La Cosa Pubblica’: “Irrisolte perdite idriche nel quartiere Spirito Santo”

    Reggio Calabria, l’associazione ‘La Cosa Pubblica’: “Irrisolte perdite idriche nel quartiere Spirito Santo”

    Assistere passivamente all’abbandono della città e al suo declino non è nel mio modo di essere, ecco perché, dopo aver cercato di risolvere il problema acqua in via Gaetano Catanoso attraverso la segnalazione telefonica al delegato del sindaco Brunetti senza ottenere risultato ho deciso di intervenire pubblicamente su uno degli ennesimi problemi irrisolti che attanagliano la vita quotidiana della cittadinanza in ogni quartiere di Reggio Calabria

    . Da circa 30 giorni, nello stabile in cui vivo c’è penuria di acqua, mentre lungo la via adiacente scorre, sprecandosi, una copiosa quantità di acqua: un guasto identificato e tuttavia ignorato dall’amministrazione comunale, che conta un numero enorme di assessori, delegati e suggeritori. Uno spiegamento di forze che non c’era nemmeno alla corte di Luigi quattordicesimo, cui corrisponde un’egualmente macroscopica incapacità di aggredire e risolvere persino i problemi più minuti della nostra città.

    Infatti, nonostante un così gran numero di soggetti, il problema della perdita d’acqua in via Gaetano Catanoso persiste, con danno per la qualità della vita dei cittadini che lì risiedono e un inutile spreco economico per la collettività tutta.

    Ecco perché sento il dovere di condividere il problema e portarlo pubblicamente a conoscenza del sindaco e della cittadinanza afflitta da analoghi disagi, cui si sommano i cumuli di rifiuti che fanno bella mostra in tutte le periferie e non solo.

    Penso che questa amministrazione stia concludendo il suo mandato nel peggior modo possibile, lasciando l’amaro in bocca a quanti hanno creduto che basti un cognome rispettabile per avere il cambiamento che la città aspetta.

    Prof. Antonio Zema

    Direttivo Associazione “La Cosa Pubblica”