• Home / CITTA / Reggio Calabria / Il Msi-Fiamma Tricolore: “Rubinetti a secco e spazzatura: San Giorgio ‎Extra affonda nella m…elma del clan Falcomatà”‎

    Il Msi-Fiamma Tricolore: “Rubinetti a secco e spazzatura: San Giorgio ‎Extra affonda nella m…elma del clan Falcomatà”‎

    Di seguito la nota diffusa dalla Fiamma Tricolore Federazione di Reggio Calabria

    Sommersi dalla spazzatura e ormai senza acqua dalla giornata di domenica 5 gennaio i cittadini di San Giorgio Extra ci contattano ormai esasperati per la situazione da terzo mondo in cui sono costretti a vivere.

    La quasi totalità delle famiglie effettua regolarmente la raccolta differenziata ma i continui disservizi e gli abbandoni abusivi di spazzatura hanno reso ormai l’intero quartiere una discarica a cielo aperto.

     

    Dall’arteria che collega alle bretelle è quasi ormai impossibile passare tra buche, spazzatura e perdite d’acqua; i rubinetti sono a secco e contattato ieri il comune non è dato sapere quando il danno sarà risolto. “Si è bruciata la pompa” è la ridicola risposta che a cadenza di ogni 2-3 mesi viene data ai cittadini. Costi di manutenzione continui per la pompa più bruciata del mondo su cui evidentemente la cresta di qualcuno è più importante della salute dei cittadini.

     

    La situazione è drammatica per le famiglie con bambini: da giorni si è costretti a lavarsi con l’acqua minerale e anche le abitazioni dotate di cisterne ed autoclave hanno ormai esaurito la riserva del prezioso liquido.

     

    Non abbiamo più parole per descrivere lo stato di disperazione in cui questa amministrazione ha gettato l’intera città. Abbiamo ormai da tempo capito che la squadra messa in piedi dal sindaco Falcomatà non ha le minime competenze per poter gestire e mandare avanti la città che ogni giorno di più sprofonda nel baratro. Quello che non avevamo calcolato è l’assoluta mancanza di dignità di un sindaco e di una squadra di assessori che già da tempo avrebbero dovuto rassegnare le dimissioni e dichiarare il dissesto finanziario di una città ormai ridotta in macerie.

     

    Ufficio Stampa Fiamma Tricolore

    Federazione di Reggio Calabria