• Home / CALABRIA / (FOTO)Gravi danni provocati dalle mareggiate al litorale di Riace Capo di Lazzaro

    (FOTO)Gravi danni provocati dalle mareggiate al litorale di Riace Capo di Lazzaro

    Il pericolo che viene dall’alto della rupe di Capo d’armi e quello che viene dal mare non fanno dormire sonni tranquilli agli abitanti di Riace Capo.

    Portiamo a conoscenza delle spettabili Istituzioni che durante l’attività svolta da questa associazione a tutela dell’ambiente ed in particolare per verificare se siano stati eseguiti  interventi di messa in sicurezza della rupe di Capo D’Armi, in questi giorni abbiamo riscontrato che le impetuose mareggiate dello scorso  mese di novembre hanno recato gravi danni anche al tratto di costa di Riace Capo della frazione di Lazzaro del Comune di Motta San Giovanni. Invero i marosi hanno determinato la frana della parte di muro sul quale ricade un  fabbricato adibito a civile abitazione rendendolo   pericolante che sicuramente sarà inghiottito dalle prossime mareggiate se non si interviene con l’urgenza che la situazione richiede.

    Il terreno retrostante al muro di protezione nella parte finale lato Reggio è stato eroso dai marosi che hanno provocato la frana del tratto costiero mancante  di protezionein prosecuzione del precitato muroeil crollo della sovrastante recinzione e di diverse palme,alcune delle quali rimaste pericolanti.

    Lo stato dell’arte dice che con le prossime mareggiate i danni nel tratto di costa in questione e i percoli per la pubblica e privata incolumità aumenteranno, pertanto si ravvede la necessità di un urgente intervento a tutela degli abitanti del luogo le cui abitazioni sono facilmente raggiungibili dalle mareggiate e ogni altro provvedimento a salvaguardia dei beni pubblici esposti alle stesse.La richiesta di intervento urgente è stata inviata ad integrazione di quelle già avanzate con note del 13 e 21 novembre 2019 alle Istituzioni competenti, interessando anche il Presidente del Consiglio dei Ministri e i vari ministeri e gli Enti locali territorialmente competenti.                     

    Vincenzo CREA

    Referente unico dell’ANCADIC

    e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

    dav