• Home / In evidenza / Battuta a concorrente calabrese, le scuse di Tiberio Timperi

    Battuta a concorrente calabrese, le scuse di Tiberio Timperi

    «Se qualcuno si è sentito offeso, mi scuso». Arrivano le scuse di Tiberio Timperi il giorno dopo la denuncia di Klaus Davi e del Codacons, nei confronti del popolare presentatore che, nel corso della sua trasmissione, aveva fatto una battuta ad un concorrente calabrese. «Leggo di essere stato denunciato per una battuta scherzosa fatta ad un concorrente in trasmissione. Leggo – afferma sul suo profilo Instagram – che avrei offeso una regione italiana. Una regione che come tutte le altre mi appartiene e che mai mi sognerei di offendere.

    Aspra come i monti che la attraversano. Orgogliosa come i popoli che da sempre la abitano. Forte come i due mari che la circondano. Misteriosa come una lingua che non è dialetto e che non si apre subito al forestiero. Io ho rispetto. Per la Calabria e per i calabresi. Per quelli rimasti e per quelli che da generazioni non si sono fermati davanti a niente. Io ho rispetto e sono qua. Perché sono calabrese, romano, laziale, toscano, trentino, pugliese. Sono un incrocio di mille contaminazioni che mi fanno italiano. Sono italiano. Innamorato della mia storia. Se qualcuno si è sentito offeso mi scuso. Ma io sono crotonese come sono romano. Come sono catanzarese, reggino, cosentino. Come sono laziale. Come sono fiorentino. Come sono vibonese. Sono italiano e non sapete quanto sia orgoglioso di esserlo», conclude nel suo post Instagram.