• Home / In evidenza / Anno nuovo, problemi vecchi per le strutture psichiatriche reggine. Proclamato lo stato di agitazione

    Anno nuovo, problemi vecchi per le strutture psichiatriche reggine. Proclamato lo stato di agitazione

    La fatidica scadenza del 31 dicembre 2019 è stata abbondantemente superata senza che siano stati fatti passi in avanti nell’iter per l’accreditamento delle strutture psichiatriche reggine, e questo nonostante già lo scorso anno si sia dovuto procedere a una proroga dei termini previsti.

    Questo significa che dal primo gennaio i circa 180 pazienti psichiatrici sono ospitati nelle varie strutture senza alcun tipo di contratto o convenzione, a dimostrazione di quale sia il livello di attenzione delle varie istituzioni verso queste persone bisognose e verso le loro famiglie. Figuriamoci verso i lavoratori che non stanno ricevendo i dovuti stipendi perché i pagamenti da parte dell’Asp per i servizi resi sono fermi al settembre scorso.

    Nonostante le varie promesse da parte delle strutture commissariali, regionali e provinciali, ancora non vi è chiarezza sul futuro di questo delicato settore, mentre il presente è fatto di mancati pagamenti e disinteresse assoluto.

    Alla luce di questa situazione non possiamo che proclamare lo stato di agitazione e prepararci a tornare in piazza per ricordare a chi di dovere che non si sta parlando di freddi numeri o di codicilli ma di persone in carne e ossa che pretendono dignità.

     

    USB Reggio Calabria

    Coo.La.P.