• Home / In evidenza / Reggio Calabria – Il grande varietà rivive con il travolgente duo Piromalli-Malaspina

    Reggio Calabria – Il grande varietà rivive con il travolgente duo Piromalli-Malaspina

    di Grazia Candido (foto Antonio Sollazzo) – Una serata tra amici, un’ora e mezza a ripercorrere la storia del varietà con due mattatori della scena, Peppe Piromalli e Antonio Malaspina insieme ancora una volta, ieri sera, al cine-teatro “Il Metropolitano” con lo show “In varietà, in varietà….vi dico”.

    E’ la storia di un genere ingiustamente considerato “minore” che non ha resistito all’invasione del cinema e della televisione. È il teatro di Walter Chiari, Raffaele Viviani, Ettore Petrolini, di Totò e tanti altri ormai dimenticati. Ma non per l’Officina dell’Arte che, per il secondo appuntamento della kermesse “Teatro Off”, ha voluto omaggiare quel genere di arte, quegli spazi di libertà in cui prende forma una comicità rassicurante e che si lega a quella critica sociale a volte bonaria, molto spesso amara e beffarda.
    Un happening comico che, con ironia e irriverenza, sapientemente puntellata dagli attori Piromalli e Malaspina insieme alle due giovanissime risorse Carlo Colico e Alessia Maio, racconta la bellezza di questa arte tanto amata. In scena, tre sedie, un tavolino e un telefono bastano a riempire lo spazio impreziosito da attori abili ad incastonare alcuni sketch classici del repertorio del varietà messi a confronto con pezzi più moderni, frutto di improvvisazioni e di studio sui tempi comici.
    E’ uno spettacolo di situazioni paradossali e grottesche, nelle quali ogni spettatore può riconoscere le proprie debolezze, i difetti, le miserie umane e riderne senza paura e giudizio, perché è questo il potere della comicità. Questo è il potere di due bravi attori reggini che, per due sere (si replica oggi alle ore 20,30), hanno riportato in scena un genere multiforme che, con i suoi testi e le sue gag, permette di gettare lo sguardo all’interno delle cose quotidiane, scomponendole, denudarle e, alla fine, smascherarle.
    Il pubblico ride, è coinvolto in quella storia semplice ma passata e riapre con i suoi protagonisti, quel cassetto ormai chiuso da tempo che, però, va risistemato e mostrato.
    “Riprendiamo uno show fatto di risate e, con poco, cerchiamo di far trascorrere alla gente un sano divertimento perché il varietà è quella forma di spettacolo che, veramente, riusciva a far ridere e a far stare bene chi lo guardava – afferma l’attore e direttore artistico dell’Officina dell’Arte, Peppe Piromalli – Abbiamo cercato di ricostruire quel mondo con i nostri pregi e difetti partendo dai grandi miti come Walter Chiari e pezzi estratti dalla nostra commedia con gag improvvisate sul momento. Con il varietà, si rideva con cuore ed erano risate fatte di tanta immaginazione, tanta fantasia e di pochissimo denaro”.
    La bellezza di questo spettacolo è l’atmosfera: sembra di stare a casa, seduti sul divano a guardare la televisione tutti insieme con i propri cari ed improvvisamente, si è catapultati in quel passato ormai lontano che, però, manca molto a chi ha avuto la fortuna di viverlo e anche a chi, oggi, lo rivive grazie ad artisti vulcanici e capacissimi come Piromalli e Malaspina che, con leggerezza ed ironia, riescono a ricreare l’avanspettacolo di una volta.
    Il pubblico apprezza l’esperimento teatrale e la caparbietà degli attori che hanno regalato momenti di raro valore e per aver fatto tornare alla mente in una nostalgica bellezza, quel passato fatto di racconti, curiosità, ricordi che, ancora oggi, fanno battere il cuore.