• Home / Primo piano / Agorà, Gratteri: ‘Abbiamo intercettazioni di spose che piangono, noi calabresi siamo stati sempre usati, non siamo omertosi, non ci fidiamo’

    Agorà, Gratteri: ‘Abbiamo intercettazioni di spose che piangono, noi calabresi siamo stati sempre usati, non siamo omertosi, non ci fidiamo’

    Il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri  è stato ospite della trasmissione Agorà

    Matrimoni combinati nella ndrangheta

    “Abbiamo intercettazioni terribili, una giovane sposa scoppia in lacrime e dice di aver sposato un uomo per averlo imposto. Cose terribili. Queste donne sperano e vogliono che i loro bambini abbiano una vita diversa e non quella dei loro padri conosciuti attraverso il vetro blindato del 41 bis. Vogliono dare una speranza, ci provano e sempre più vengono a chiederci aiuto.

     

    ‘Ndrangheta fatta di soldatini

    “Sono persone che iniziano a pagare con la moneta elettronica. L’unica mafia al mondo presente in tutti i continenti. Un minuto dopo la caduta del muro di Berlino era nell’Est a comprare banche, acciaierie e pozzo di petrolio. Le tradizioni servono per tenere tutti legati. Tanti soldatini che rispondono al diktat del capo, ma nel contempo sono proiettati nel mondo”.

    Gratteri parla da calabrese

    “I calabresi, siamo un po’ paranoici perché siamo stati quasi sempre usati, non ci fidiamo. Il calabrese non è omertoso, non sa con chi parlare è una cosa diversa”.