• Home / In evidenza / Gioia Tauro (RC) – Cinque funzionari di banca a processo per usura

    Gioia Tauro (RC) – Cinque funzionari di banca a processo per usura

    Sono stati rinviati a giudizio dal Tribunale di Palmi per usura bancaria, cinque funzionari del Banco di Napoli, oggi Intesa San Paolo. I banchieri sono Giuseppe Bonini, responsabile del servizio sviluppo commerciale imprese della direzione commerciale, Banca Intesa San Paolo, capo gruppo del Banco di Napoli; Renato Antonio Zanetti, responsabile della struttura piccole imprese della direzione marketing imprese, divisione banca dei territori di Intesa San Paolo; Giuseppe Princi, direttore della filiale di Gioia Tauro del Banco di Napoli; e i direttori della filiale di Reggio Calabria del Banco di Napoli Edoardo Emanuele e Giuseppe Zoccali. Parte lesa nel procedimento sono invece Rosina Martino e Giuseppe Posterino.

    L’inizio dei fatti risalirebbe al 2008, quando la signora Martino, presidente del consiglio d’amministrazione della “Cooperativa agricola sviluppo olivicoltura”, aveva chiesto un finanziamento di 750mila euro da restituire in 60 rate mensili e le sarebbe stato applicato un tasso di mora pari al 10,20% a fronte di quello soglia del 3.15%.  Passa un anno e il reato sarebbe stato ripetuto: la Martino chiede un ulteriore finanziamento, questa volta 500mila euro. Dal Banco di Napoli danno l’ok, ma il tasso di mora è ancora una volta troppo alto secondo gli inquirenti: 5% a fronte di quello soglia del 3,5.  La procura di Palmi contesta quindi ai cinque funzionari del Banco di Napoli l’aggravante «dall’avere agito nell’esercizio di un’attività bancaria, in danno di chi si trovava in stato di bisogno ed in danni di chi svolgeva un’attività imprenditoriale» e adesso affronteranno il processo a partire del 13 dicembre.