• Home / In evidenza / Santa Maria della Pietà, Parentela (M5S) annuncia l’arrivo di oltre un milione per il restauro

    Santa Maria della Pietà, Parentela (M5S) annuncia l’arrivo di oltre un milione per il restauro

    «La chiesa gotica di Santa Maria della Pietà, situata a Squillace, sarà recuperata e valorizzata con apposito finanziamento di 1milione e 200mila euro proveniente dal ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo». Ne dà notizia, in una nota, il deputato M5S Paolo Parentela, che sottolinea: «Finalmente, per dirla con De Andrè, una buona novella per il patrimonio culturale e spirituale della Calabria, spesso dimenticato o sottovalutato a livello locale, come pure per la comunità di Squillace, comune di rara bellezza e con evidenti potenzialità, costretto a subire gli effetti di una radicata incapacità politica».

    «Questo finanziamento – prosegue il parlamentare del Movimento 5 Stelle – deriva anche dall’attenzione che, insieme a cittadini sensibili del posto, ho dedicato al recupero della chiesa, risalente al XIII secolo e tra le più significative testimonianze dell’architettura gotica in Calabria». «Secondo quanto ho appreso ufficialmente, l’immobile, unico nel suo genere, non era stato mai – continua l’esponente M5S – oggetto di interventi da parte del ministero, che stavolta ha già predisposto la fase progettuale per lavori di messa in sicurezza, consolidamento e restauro, con saggi archeologici preliminari in ragione del cattivo stato di manutenzione dell’edificio religioso, che peraltro ha un eccezionale valore storico». «Della vicenda – rimarca il deputato – si è occupata pure la collega senatrice M5S Margherita Corrado, archeologa di spessore e componente della VII commissione del Senato, Beni culturali. Con le competenze di cui dispone il ministero e con l’aiuto della sua sottosegretaria Anna Laura Orrico, del Movimento 5 Stelle, sono certo – conclude Parentela – che i lavori cui sarà sottoposta la chiesa di Santa Maria della Pietà saranno realizzati nel migliore dei modi».