• Home / CALABRIA / Reggio Calabria, M.A.P.: “Falcomatà pensi alla sua città e dichiari l’emergenza igienico-sanitaria”

    Reggio Calabria, M.A.P.: “Falcomatà pensi alla sua città e dichiari l’emergenza igienico-sanitaria”

    Purtroppo ascoltando alcune dichiarazioni del nostro attuale Sindaco che questa mattina in consiglio comunale dichiarerà l’emergenza climatica, non mi resta che pensare che dopo quasi cinque anni ancora non si è reso conto, anzi fa finta di non vedere e sentire il malincuore in città per la sua pessima gestione.

    Dichiara di aver portato Reggio a testa alta e alla normalità, senza pensare che queste affermazioni hanno fatto infuriare ancora di più tutti i cittadini che sono senza acqua nelle proprie abitazioni, con i sacchi di rifiuti davanti i portoni di casa con le automobili ferme e le ruote squarciate visto le buche killer presenti in città.

    Se per lui questa è normalità speriamo presto che finisca al più presto. Invece di fare lo “sceriffo” pensi piuttosto a dichiarare l’emergenza igienico-sanitaria visto che ormai Reggio è diventata una discarica a cielo aperto e metta da parte per ora l’emergenza climatica e ambientale che è una questione internazionale.

    Dovrebbe stare con i piedi per terra e pensare piuttosto a come ha ridotto la città in questi cinque anni di amministrazione incapace e inadeguata a risolvere grandi problemi che se anche causati dalle amministrazioni precedenti, lui non ha fatto niente per recuperare i danni.

    La campagna globale “Fridays
    For Future” mi può stare bene ed è importantissima rivolgere l’attenzione su temi come l’ambiente e il riscaldamento globale, ma strumentalizzarla per interessi personali non fa che peggiorare le cose.

    Con il caricatore pieno sta cercando di spararsi le ultime cartucce, asfaltando qualche strada, facendo qualche rotatoria , preparando i concorsi per la città metropolitana e così via, ma spero proprio che tutto questo non gli basti e potrà presto sedersi nei banchi dell’opposizione come semplice consigliere comunale.