• Home / CITTA / Reggio Calabria / Montebello Ionico – Ordine costantiniano, una devozione lunga 1800 anni

    Montebello Ionico – Ordine costantiniano, una devozione lunga 1800 anni

    “1.800 anni di storia dell’Ordine costantiniano e devozione alla Beata Vergine Maria” è stato il tema del convegno svoltosi presso la chiesa Protopapale dell’Isodia a Montebello Ionico.

    Un incontro molto interessante che ha visto la presenza del deputato di Storia della patria Francesco Arillotta e del cavaliere Emanuele Nazario Scarlata confrontarsi e approfondire le origini, il percorso del più antico ordine cavalleresco della cristianità.
    L’ordine si propone la glorificazione della Croce, la propagazione della fede cattolica e la difesa della Chiesa apostolica romana cui è strettamente legato. Condizione necessaria infatti, per divenire membri dell’Ordine e professare la religione cattolica apostolica.
    “Tra le varie attività, l’Ordine opera dando anche un prezioso contributo alle due grandi opere eminentemente sociali dell’assistenza ospedaliera e della beneficenza” – precisano i relatori.
    L’evento programmato in chiusura del mese di maggio dedicato alla Madonna, è stato preceduto dalla solenne celebrazione eucaristica presieduta da don Giovanni Gattuso alla quale hanno partecipato oltre ai tantissimi fedeli, i cavalieri e le dame del Sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio. Al centro del dibattito come detto, le origini della Cavalleria Cristiana, quindi la storia e l’attualità del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio ma anche, il tanto delicato, quanto interessante, argomento che riguarda la legittimità degli Ordini Cavallereschi.
    “La figura di San Giorgio, Cavaliere simbolo della lotta contro il male, sancisce certamente il filo conduttore che accomuna il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il cui 55° Gran Maestro è Don Pedro di Borbone-Due Sicilie e Orléans, Duca di Calabria, Conte di Caserta, alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, in quanto entrambe le realtà affidano ad egli la loro protezione” – spiegano i relatori lasciandosi poi andare al racconto di intrecci e storie legate alla cavalleria medievale, fino ad illustrare l’operato attuale degli Ordini in riferimento alle opere di beneficenza e soccorso ai più deboli.