Home / CALABRIA / Reggio Calabria, sigilli ai gazebo. La Cisl Fp difende gli agenti della Municipale

Reggio Calabria, sigilli ai gazebo. La Cisl Fp difende gli agenti della Municipale

A tutela degli operatori della polizia municipale di Reggio Calabria, lo scrivente Coordinamento delle Polizie Locali Cisl FP di Reggio Calabria, non può non intervenire per difendere l’immagine e la professionalità del Corpo e dei suoi agenti e ufficiali, i quali, in data 29 maggio 2019, hanno dato regolare esecuzione ad un’ordinanza dirigenziale proveniente dal Settore Sviluppo Economico di Reggio Calabria, ordinanza peraltro sollecitata dallo stesso settore e che prevede l’adeguamento strutturale dei gazebo in quanto non conformi alle nuove disposizioni previste dai regolamenti approvati dal Consiglio Comunale e da delibere di Giunta (disposizioni finalizzate alla tutela del patrimonio arboreo e quindi ordinanze emesse non per mancato pagamento dei relativi tributi).

Ciò che è emerso dall’attività posta in essere dagli operatori è stato un accanimento mediatico sia sui social (cosa divenuta comune) e a mezzo stampa, nei confronti degli stessi i quali si sono trovati nella doverosa condizione di eseguire quanto previsto. Quello che appare grave agli occhi della Cisl FP non è tanto e solo l’attacco proveniente dai cittadini i quali abitudinariamente catalizzano le incapacità gestionali della Città nei confronti di chi opera sulla strada mettendoci la faccia, ma è grave soprattutto l’atteggiamento del Sindaco il quale, da quanto si apprende dai mezzi di stampa, convocando una riunione urgente, ha fortemente criticato l’attività, peraltro regolare in quanto prevista, si ripete, dai rispettivi regolamenti e delibere di giunta dallo stesso approvati. La critica mossa dal Primo Cittadino nei confronti delle modalità operative della polizia municipale, il quale ha visto spropositato il contingente impiegato per l’apposizioni dei sigilli, evidenzia il suo totale distacco dalla realtà, l’impiego di sole 6 unità per apporre i sigilli in circa 6 strutture, sono tutt’altro che spropositati. Evidentemente il Sindaco dimentica la c.d. legge Bassanini che prevede la separazione della politica dalla dirigenza, dove la politica deve dare solo indirizzi politici mentre spetta alla dirigenza mettere in atto le disposizioni e darne concretezza, ma qui a Reggio Calabria la politica si mischia con la dirigenza senza conoscerne confini e forme. Si vorrebbe capire da che parte sta il Sindaco nonché Capo della Polizia Municipale, visto che il Settore Sviluppo Economico e il Settore Polizia Municipale, hanno rispettato le norme e i regolamenti. La legalità si deve non solo predicare ma anche praticare. Una nota dolente non può non essere rivolta anche agli esercenti destinatari dei provvedimenti di apposizione sigilli, i quali hanno più e più volte ricevuto lettere di sollecito per adempiere all’ordinanza, ma senza alcun risultato, arrivando alla naturale conseguenza di dovere sequestrare le strutture. Cosa vorrà fare ora il Sig. Sindaco? Vorrà dare la colpa di tutto quanto alla Polizia Municipale ovvero fare un mea culpa per l’intervento inopportuno che ha avuto?

Esprimiamo inoltre solidarietà nei confronti di tre colleghi che sempre in data 29 maggio 2019 sono stati oggetto di aggressione da parte di un cittadino in zona Santa Caterina, durante la contestazione di una violazione del C.d.S. in quanto il conducente aveva parcheggiato senza titolo in uno stallo di sosta per invalidi, procurando agli operatori delle lesioni, tanto da dovere essere tutti e tre portati presso il pronto soccorso, ovviamente il soggetto è stato identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria.

 

 

Il Coordinatore delle Polizie Locali Cisl FP

Giuseppe Falcone