• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – La filosofia della danza come stile di vita: il tango e la poesia

    Reggio Calabria – La filosofia della danza come stile di vita: il tango e la poesia

    Il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria e con la collaborazione della Biblioteca “De Nava” di Reggio Calabria, presso la stessa Biblioteca ha organizzato il secondo incontro: “La filosofia della danza come stile di vita: il tango e la poesia”.

    Con l’ausilio di video proiezioni ha relazionato la dott.ssa Sabrina Versaci, maestro tecnico federale di Danze Standard e Latino-americani. Loreley Rosita Borruto e Clelia Montella hanno letto poesie di Lorca, Jimenez, Borges, Unamuno, Quasimodo, Rodolfo Chirico. “La danza, nata come “istinto primordiale” e a lungo considerata “magica”, si perfezionò a partire dalla preistoria, assumendo presto una grande importanza nei rituali religiosi. Nell’antica Grecia divenne protagonista delle rappresentazioni teatrali (a ballare erano i membri del coro) e si diffuse poi nel mondo romano. La relatrice Sabrina Versaci, in questo secondo incontro, si è soffermata di più sul Tango, danza popolare argentina dal carattere languido, struggente e appassionato. Definito” un pensiero triste che si danza” da Enrique Santos Discepolo, musicista nato a Buenos Aires nel 1901. Questo ballo ha un potere comunicativo enorme ed un importante significato sia storico che antropologico, in quanto espressione di sentimenti di malinconia, tristezza e disincanto. Nel corso del tempo, il diffondersi del tango in tutto il mondo comportò una metamorfosi di quella voce semplice ed individuale di amarezza al punto che essa divenne espressione artistica di un’anima che trascende in una centralità di pathos di coppia. Due i momenti essenziali di questo processo di cambiamento dell’essenza del tango: la composizione musicale Libertango di A. Piazzolla e la classificazione di ballo da gara (international ballroom) avvenuta in Inghilterra nel 1940. Nel 2009, ha concluso la relatrice, l’Unesco gli conferisce il titolo di “Bene culturale immateriale” ed il tango diviene danza del mondo e oggetto di numerose pellicole cinematografiche come, Matrimonio all’inglese, Scent of Woman e Moulin Rouge.