• Home / CITTA / Reggio Calabria / Falcomatà: “Di Bari ha incarnato il ruolo con attenzione e umanità”
    Sindaco Falcomatà con prefetto Michele di Bari

    Falcomatà: “Di Bari ha incarnato il ruolo con attenzione e umanità”

    Lascia Reggio Calabria il Prefetto Michele di Bari, chiamato dal Viminale a guidare il Dipartimento per l’immigrazione.

    «Dall’agosto del 2016, il Prefetto di Bari ha incarnato magistralmente osserva il sindaco metropolitano di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà il ruolo che era stato chiamato a svolgere in una terra di frontiera, con un’attenzione e un’umanità mille volte dimostrate in mille sfaccettature che nel 2017 abbiamo voluto premiare col San Giorgio D’Oro”, la massima onorificenza cittadina: per tutte, ricordo l’attenzione agli sbarchi e ai drammi umani che sovente li accompagnano e la costante pressione per dare una svolta alla difficilissima situazione della baraccopoli di San Ferdinando. Particolarmente felice, sotto questo profilo, ci sembra la scelta del Ministero dell’interno per il nuovo prestigioso incarico attribuitogli. Per cui, nel ringraziarlo per quanto fatto fin qui per Reggio Calabria e i reggini, al prefetto Michele di Bari auguriamo così Falcomatà le migliori fortune anche per la nuova difficile sfida che dovrà affrontare nell’interesse della squadra-Stato».
    Dal sindaco reggino giungono, al contempo, i più sentiti auguri di buon lavoro al successore di di Bari nel delicato incarico, il neo Prefetto reggino Massimo Mariani: «Fin dal primo istante, avrà anche i galloni di commissario governativo per l’area di San Ferdinando, che una volta di più fa presente il sindaco della Città metropolitana reggina, Giuseppe Falcomatà si conferma strategica dal punto di vista umanitario, oltre che del tessuto agrumicolo della Piana di Gioia Tauro. In uno dei purtroppo tanti momenti delicati nella storia di Reggio Calabria e della sua comunità, siamo certi che esperienza ed equilibrio comprovati porteranno il prefetto Mariani a scrivere pagine istituzionali importantissime per la comunità reggina».