• Home / CALABRIA / Gatto ucciso in scuola a Gioia Tauro – Parla l’avvocato del collaboratore scolastico

    Gatto ucciso in scuola a Gioia Tauro – Parla l’avvocato del collaboratore scolastico

    Di seguito la nota diffusa dall’  Avv. Raimondo Paparatti del collaboratore scolastico dell’Istituto Comprensivo “Montale-Pentimalli” di Gioia Tauro

    Egregio Direttore,

    nell’interesse del mio assistito, il collaboratore scolastico dell’Istituto Comprensivo “Montale-Pentimalli” di Gioia Tauro, faccio riferimento alla notizia, apparsa su tutte le testate giornalistiche locali e nazionali, relative alla presunta uccisione di un gatto da costui consumata a colpi di bastone nel cortile della scuola davanti alla vista dei bambini che ivi in quel momento si trovavano intenti a giocare durante l’ora di educazione fisica.

    Per prudenza e per il rispetto dell’attività di indagine avviata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi e dallo stesso Istituto dove lavora con costante dedizione da moltissimi anni, catturandosi la benevolenza di tutti gli alunni, colleghi ed insegnanti, il mio assistito ha ritenuto di non esporsi alla gogna mediatica scatenata da alcuni improvvidi rappresentanti di varie associazioni animaliste e di protezione di minori i quali, pur di cavalcare l’onda del clamore giornalistico, non si sono fatti scrupolo di quantomeno sommariamente verificare quella che già prima facie appariva come una notizia infondata.

    Per ristabilire il senso della verità, purtroppo negata dalle virali fake news artatamente e spietatamente fatte diffondere su tutto il territorio nazionale da irresponsabili in cambio di un po’ di visibilità, è ora venuto il momento di raccontare a freddo ciò che è successo effettivamente quel 15 maggio.

    Verso le ore 10.30 circa, il mio assistito veniva incaricato dal Vice Preside di entrare nella palestra della scuola, in disuso perché inagibile, per consentire ad un gatto randagio, che ivi si era intrufolato diversi giorni prima, di potere nuovamente uscire non essendo più in grado di farlo autonomamente.

    Appena varcata la soglia della porta della palestra, egli ha notato il gatto, che era completamente impaurito e disorientato, correre e saltare all’impazzata, sbattendo finanche contro le vetrate e i muri delle pareti nel vano tentativo di guadagnare una via d’uscita.

    Sennonché, è accaduto che nella foga della corsa incontrollata, il gatto è rimasto incastrato in una intercapedine dalla quale, pur dimenandosi, non riusciva più ad uscire.

    Nel tentativo di soccorrerlo, il mio assistito ha preso una tavola in legno (non un bastone!), che si trovava casualmente adagiata in un angolo della palestra,  e l’ha avvicinata al felino affinché la potesse afferrare con gli artigli e così facilitare la sua estrazione.

    Il gatto, sempre più impaurito e sofferente, ha effettivamente afferrato con gli artigli e addentato con i denti la tavola procurandosi una piccola ferita alla bocca, ma il collaboratore scolastico è riuscito comunque ad estrarlo dal buco in cui si era intrufolato, portandolo fuori nel cortile dove c’erano dei bambini di scuola primaria intenti a giocare nell’ora di educazione fisica, che hanno purtroppo visto il gatto ferito ed agonizzante fino al suo decesso, avvenuto poco dopo.

    Questi sono stati i fatti nella loro effettiva successione cronologica, rispetto ai quali il mio assistito si professa del tutto innocente perché, contrariamente a quanto all’esterno trapelato, non ha usato alcuna violenza nei confronti del felino, men che meno all’interno del cortile della scuola davanti ai bambini che giocavano.

    Il gatto è purtroppo deceduto a seguito delle ferite riportate nei diversi giorni in cui è rimasto chiuso all’interno della palestra dove ha cercato in ogni modo di guadagnarsi l’uscita sbattendo violentemente contro pareti e finestre fino a perdere totalmente il senso dell’orientamento culminato con il suo definitivo e tragico sfinimento.

    Il collaboratore scolastico non ha usato verso il felino alcun tipo di violenza, che non aveva neppure ragione di esistere, posto che il suo unico intento era solamente quello di aiutarlo a riacquistare la libertà perduta in modo del tutto sfortunato e occasionale.

    In costanza e nella certezza di questi fatti, confermati nella sostanza dagli stessi insegnanti presenti con i bambini nel cortile della scuola, nonché dai genitori di questi ultimi che hanno anche manifestato rammarico e solidarietà per le false accuse rivolte al bidello, è chiaro che costui attenderà con pazienza e fiducia che la giustizia faccia il suo corso.

    Nel contempo però deve essere altrettanto chiaro che il mio assistito si riserverà di procedere penalmente e civilmente per diffamazione aggravata e calunnia nei confronti di tutti coloro che in relazione al caso si sono resi responsabili della imprudente diffusione di notizie false perché neanche sommariamente fatte verificare.

    Cordialità.

    Avv. Raimondo Paparatti