• Home / In evidenza / Gli “Universi impossibili” del New Wave Duo in ricordo di Marielle Franco

    Gli “Universi impossibili” del New Wave Duo in ricordo di Marielle Franco

    di Domenico Grillone – “Complimenti, avete creato una bella atmosfera”. Sergio Cammariere non ha avuto nessuna difficoltà a complimentarsi per il brano “Sospiri in cielo” del New Wave Duo ed inserito nel più ampio progetto artistico, si tratta del primo lavoro, dal titolo “Universi impossibili”. Ma non è stato il solo a “benedire” il primo disco di Domenico Sellaro, diplomato in chitarra classica al Conservatorio Cilea, e di Maria Tramontana, cantante e diplomata al Conservatorio di Lucca in flauto traverso. Una coppia artistica ma anche reale, nella vita, pronta a farsi coinvolgere da una grande una passione verso la musica brasiliana ed, in generale, verso le diverse sonorità centro-sud sudamericane, senza ovviamente tralasciare il proprio lavoro (lui avvocato e docente di ruolo nell’insegnamento della chitarra classica, lei dirigente pubblico). Anche Christianne Neves, pianista, compositrice, arrangiatrice, direttrice musicale e polistrumentista di San Paolo del Brasile, è rimasta colpita da “Sospiri in cielo”, tanto da tradurla in portoghese con l’intenzione di riarrangiarla al pianoforte e per portarla nella sua prossima tourneè in Italia, con tappa a Reggio, per farla cantare a Maria Tramontana, dopo un interessante workshop sulla musica brasiliana che si terrà nel mese di maggio a Gioiosa Ionica, organizzato dall’associazione culturale “Eureka”. Le diverse masterclass frequentate dal duo, non ultimo quella organizzata dalla scuola popolare di musica del Testaccio a Roma con Guinga, compositore e chitarrista brasiliano (Hermeto Pascoal usa spesso dire che “un tipo come Guinga compare soltanto ogni cento anni” mentre Sérgio Mendes non manca di stare con l´amico tutte le volte che viene a Rio) hanno reso il Duo sempre più consapevole della propria crescita artistica e sensibilità musicale. Non c’è male come inizio per il Duo che proprio l’altra sera, al Malavenda Cafè, ha mostrato tutto il proprio entusiasmo e professionalità, accompagnato dal batterista Tonino Palamara, deliziando non solo il pubblico locale ma anche una nutrita rappresentanza di brasiliani che frequentano l’Università per Stranieri “Dante Alighieri”. Una serata, dedicata alla memoria di Marielle Franco, l’attivista e consigliera comunale di Rio de Janeiro assassinata nei giorni scorsi, rivelatasi ricca di musica, ritmo, melodie, perfino ritmi balcanici oltre ai diversi evergreen della Mpb (Musica popular brasileira) e brani tratti dal loro cd che hanno entusiasmato la comitiva giallo oro. Il disco, registrato tra settembre e dicembre 2017, presso lo studio di registrazione Artetica Recording Studio di Riccardo Anastasi a Rizziconi è interamente autoprodotto ed è presente sulle principali piattaforme digitali dal18 gennaio di quest’anno. Composto da  nove brani, uno strumentale e otto canzoni di vario genere, è stato realizzato con l’ausilio di nove musicisti di grande livello: oltre al Duo, Maria Tramontana, voce e flauto traverso, e Domenico Sellaro voce, chitarra classica, chitarra otto corde e jazz guitar, ritroviamo Tonino Palamara alla batteria, Luciano Cefalà al basso elettrico, Antonio Bifulco al flicorno e tromba, Riccardo Anastasi per quanto riguarda Hammond e Synth, Agostino Pronestì alla fisarmonica e Michele Giovinazzo al clarinetto. Nell’album è presente, solo nel brano ‘Rumba Alchemica’, la cantante jazz Simona Calipari per il vocal solo. A comporre tutte le musiche del cd e la cura degli arrangiamenti è stato Domenico Sellaro  Nel cd è presente, infine, un brano strumentale (che si intitola Guinguiana) per tromba e chitarra classica ad otto corde, composto dallo stesso Sellaro, dedicato al grande compositore brasiliano Guinga ed eseguito da Antonio Bifulco (già membro dell’orchestra di Ennio Morricone) alla tromba e Domenico Sellaro alla chitarra otto corde. Fino a pochi giorni addietro è risultato il brano del cd più scaricato dalle piattaforme digitali. Interessante la presentazione del progetto, partendo proprio dal fatto che si tratta di  una coppia che, oltre a condividere il proprio vissuto quotidiano, è legata ancor più da una passione travolgente verso la musica:

     

    Universi Impossibili è una zona franca, un porto sicuro, un luogo onirico in cui si rifugia una coppia. Ci sono vari tipi di coppie, legate da sentimenti ovvero da interessi o passioni comuni. Cos’è che uccide una coppia?

    La routine quotidiana e la banalità dei momenti ripetitivi con l’incedere del tempo possono portare una coppia ad allontanarsi; eppure, se c’è la volontà, se il legame è profondo, se c’è qualcosa che va oltre, il mezzo per trovare degli spazi in cui riconquistare quella complicità ed intimità, che dovrebbero non mancare mai nella coppia, si può trovare!!!

     Noi questi spazi, queste zone franche le abbiamo chiamate Universi Impossibili.

    Questo è il senso di questo disco. Una coppia, ritrova o forse non ha mai perso la propria complicità ed intimità, grazie alla MUSICA. In effetti il New Wave Duo è una coppia a tutti gli effetti, anche nella vita di tutti i giorni.

    Universi Impossibili è un cd di World Music, talmente eterogeneo nei brani e colmo di contaminazioni, che risulta difficilmente riconducibile ad un genere musicale preciso.

    Nicola Piovani ha più volte lodato il meticciato musicale.

    L’ascoltatore vi troverà  musiche balcaniche, sonorità meridionali, suoni pop ovvero brasiliane, che tanto hanno fatto innamorare gli artisti di questo paese sudamericano; ma alla fine dell’ascolto, l’uditore non riuscirà a ricondurre il New Wave Duo in un genere musicale; di fatto in questo cd, il New Wave Duo non è neanche un duo, visto che sono stati coinvolti altri sette musicisti provenienti dai più disparati generi musicali. E’ un percorso musicale il cui filo conduttore è ancora oggetto di ricerca da parte dei protagonisti del progetto stesso”.