• Home / CITTA / Reggio Calabria / Rizzo (Uiltrasporti): “C’era una volta il porto di Gioia Tauro”

    Rizzo (Uiltrasporti): “C’era una volta il porto di Gioia Tauro”

    La Mct continua a mortificare il territorio e soprattutto i lavoratori licenziati e collocati in agenzia in attesa di nuova occupazione. Imperterrita continua ad operare in maniera unilaterale, senza rispettare gli accordi presi con le Organizzazioni sindacali. Accordi stipulati durante la Cassa integrazione che prevedevano, in caso di assunzioni all’interno del gruppo Contship Italia, l’impiego del personale in esubero a Gioia Tauro. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal  Segretario Generale Uiltrasporti Giuseppe Rizzo.

     

    E’ di questi giorni, invece, la notizia che il gruppo Contship Italia, selezionerà operatori con qualifica di manutentore meccanico, manutentore elettrico e analista programmatore, da impiegare al porto di La Spezia, una struttura portuale che come quella di Gioia Tauro è controllata insieme dalla Mct e dal gruppo Contship Italia.

     

    La beffa per i lavoratori di Gioia Tauro è doppia, se si considera che il Direttore generale Antonino Testa è lo stesso che da qualche mese ricopre lo stesso incarico al porto di La Spezia.

    Ai lavoratori spezzini vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro.

    Non possiamo, però, non evidenziare il fatto che non comprendiamo questo comportamento messo in atto dal gruppo Contship nei confronti dei lavoratori che hanno contribuito a rendere grande la stessa società in Europa.

     

    Forse qualcuno dimentica che i lavoratori posti in agenzia sono gli stessi che hanno dato 20 anni della loro vita alla crescita dello scalo gioiese, rendendolo anche redditizio agli azionisti.

     

    Se questi sono i risultati, è probabile che questo management non sia adeguato per il rilancio del Terminal, anche perché a distanza di un anno non si vedono ancora i risultati sperati oltre agli impegni presi al Mit.

     

    Al Commissario dell’Autorità di sistema portuale, infine, chiediamo di vigilare sull’operato della Mct. Non vorremmo, infatti, ritrovarci con delle assunzione provenienti dall’esterno del bacino dell’Agenzia.

     

     

     

    Segretario Generale Uiltrasporti

    Giuseppe Rizzo