• Home / CITTA / Reggio Calabria / Rubati caloriferi allo stadio di Caulonia

    Rubati caloriferi allo stadio di Caulonia

    Un lavoro eseguito da esperti. O almeno così sembra stando alle prime verifiche dei responsabili della gestione dello stadio Dicone di Caulonia Marina, nei cui spogliatoi nella notte tra sabato e domenica sono stati rubati due caloriferi. Lasciamo immaginare ai lettori cosa vuol dire usufruire di un po’ di riscaldamento una volta terminata una seduta di allenamento in campo o peggio ancora una partita intera nel periodo di dicembre, a ridosso delle feste natalizie. A pagare non solo in termini di temperatura ma anche in termini di igiene oltre che la squadra del Caulonia, militante nel torneo di Seconda Categoria, anche i circa 120 ragazzi, tra allievi e giovanissimi della scuola calcio Cspr 94, provenienti da tutti i paesi della costa jonica e che ormai da qualche anno quasi quotidiamente frequentano con tanto entusiasmo l’impianto di contrada Vasì. “Abbiamo già sporto denuncia ai carabinieri e avvisato l’assessore allo sport del comune Francesco Cagliuso, nonché la dirigenza del Caulonia”.  E’ amaro il commento di Pietro Pucci, responsabile unico della scuola calcio: “ si tratta di un episodio grave che impedisce a tanti ragazzini di non potersi fare la doccia una volta ultimati gli allenamenti. Tra l’altro- continua- sono stati spesi tanti soldi da parte dell’amministrazione comunale per rendere i locali a norma”. Sul furto stanno indagando i carabinieri della locale stazione di Caulonia.
           
                                                                                                                                      Ilario Balì