• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: Rifondazione organizza assemblea pubblica contro amministrazione Scopelliti

    Reggio: Rifondazione organizza assemblea pubblica contro amministrazione Scopelliti

    Riceviamo e pubblichiamo da Rifondazione Comunista Reggio Calabria
    Il 22 Novembre, alle ore 17.30 presso la Sala “N. Green” del Palazzo del Consiglio Regionale, Rifondazione Comunista organizza un’assemblea pubblica (si allega apposita locandina) sullo stato attuale e sul rilancio eventuale dell’opposizione alla Giunta Scopelliti.

    Riteniamo che la vita politico-amministrativa di Reggio Calabria viva una fase di ulteriore regressione involutiva sul piano della tenuta democratica, della coesione sociale e della qualità ambientale.

    Urge una chiara ed inequivocabile svolta, serve un’azione di contrasto più forte ed efficace.

    In questa direzione, consideriamo non più prorogabile una discussione collettiva e pubblica sull’opposizione, “le ragioni presenti e le prospettive future” dell’opposizione –  come recita il manifesto della nostra iniziativa.

    I fatti delle ultime settimane confermano la gravità della situazione. Sul fronte dell’azione della Giunta Scopelliti, assistiamo alle pericolose ambiguità del bilancio comunale (vedi caso Exit e i continui costanti rilievi della Corte dei Conti), alle inadempienze tecnico-politiche degli uffici comunali (vedi bando Piazza Italia o Commissione d’indagine), al riproporsi di clientele e di assoluta mancanza di trasparenza (vedi nuove proteste REGES), al disinteresse nei confronti di LSU/LPU comunali (vedi proposta delibera Delfino-Barillà), ai costi esorbitanti di funzionari e dirigenti (vedi i macroscopici casi di clientelismo spendaccione e illegittimo), ecc. Tuttavia, vi sono critiche e contestazioni da muovere anche nei confronti di una parte di opposizione talvolta accondiscendente nei confronti dell’oliata  “macchina di potere” del centro-destra reggino.

    All’assemblea del 22 Novembre sono stati invitati a partecipare anche gli altri gruppi consiliari di minoranza, partiti politici, soggetti associativi, singoli cittadini.