• Home / CITTA / Reggio Calabria / Polistena: nota del Pdci

    Polistena: nota del Pdci

    Dal Pdci di Polistena riceviamo e pubblichiamo
    La poco trasparente operazione di LEASING IMMOBILIARE, avviata dall’Amministrazione Comunale di Polistena nel settembre scorso, è fallita miseramente!

    Informiamo i cittadini che nessuna banca ha partecipato al bando, andato deserto, per il completamento di parco Juvenilia attraverso un costoso leasing finanziario.

    Il leasing se attivato, avrebbe indebitato il comune per i prossimi 20 anni e paralizzato l’attività accollando sulle spalle delle future amministrazioni, e di conseguenza sulle tasche dei cittadini, l’enorme buco che si sarebbe creato sulle spese correnti del bilancio.

    L’esito negativo della gara oggi ci rivela che avevamo ragione noi, quando denunciammo pubblicamente gravità ed inutilità dell’operazione.

    Questo cattivo modo di operare dell’Amministrazione, ha fatto solo perdere del tempo prezioso, sottraendolo ad un più veloce iter per il ripristino dell’area dell’ex campo sportivo, oggi paurosamente colpita da degrado, incuria generale, vandalismo.

    Quando a gennaio del 2007 il COMITATO UNITI PER LO SPORT raccoglieva col sostegno di molte associazioni oltre 2300 firme di cittadini polistenesi, che chiedevano di portare a compimento il parco Juvenilia nel rispetto del progetto originario, l’aristocratica Amministrazione Comunale di Polistena fece orecchie da mercante, dando prova di essere chiusa al dialogo ed appunto “aristocratica”.

    L’attuale indecoroso spettacolo che mostra il vecchio campo sportivo è solo lo specchio del decadimento morale, culturale, sociale, in cui, per colpa di un’Amministrazione inetta ed incapace, la città di Polistena è sfortunatamente imbattuta.

    Spazzatura a parte, i servizi sono carenti, due fontane pubbliche sono chiuse da settimane senza motivo, mentre non si perde occasione per calpestare leggi, violare o aggirare con strafottenza norme e regolamenti.

    Il Piano Regolatore Generale è divenuto peggio di un elastico. Non è un caso la bocciatura per manifesta ILLEGITTIMITA’, da parte della Commissione Urbanistica Regionale, che ha respinto la proposta con cui la maggioranza tentava di stravolgere, sotto forma di variante, le norme tecniche di attuazione del Piano Regolatore vigente.

    Inoltre, i continui richiami della Corte dei Conti sulla legittimità di molte procedure, fotografano il deserto che l’Amministrazione si sta lasciando alle spalle senza che altri, a parte il nostro partito e la Corte dei Conti, intervenga. L’ultima comunicazione della Corte dei Conti del 19 novembre 2008, fra i molti rilievi, ammonisce l’Amministrazione per aver “sdemanializzato” il mercato coperto senza dotarsi preventivamente di un piano per la ricognizione, l’alienazione, la valorizzazione del patrimonio immobiliare di cui alla legge 133 del 6 agosto 2008.

    La città sarebbe in pieno guado se non fosse per la nostra opposizione vigile, e se non fosse per gli sforzi compiuti dal partito dei Comunisti Italiani che, da altri livelli istituzionali, sta lavorando per realizzare a Polistena opere pubbliche d’avanguardia, come ad esempio la realizzazione di due vere rotatorie sulla circonvallazione cittadina, il pronto soccorso dell’ospedale, il completamento della scuola Renda, la ristrutturazione di palestra e auditorium dell’ITIS, la costruzione della piscina coperta. Continueremo a vincere le nostre battaglie nell’interesse della città e del popolo di Polistena.