• Home / CITTA / Reggio Calabria / 'Ndrangheta, don Ciotti: "Se è vero, sequestrare locale via Veneto"

    'Ndrangheta, don Ciotti: "Se è vero, sequestrare locale via Veneto"

    ”Sarebbe un bel segnale che, al termine dei necessari accertamenti giudiziari, quel locale nel cuore di Roma fosse confiscato e destinato a una realta’ disposta a gestirlo magari in forma cooperativa, creando per tanti giovani opportunita’ di lavoro, di cultura, di impegno sociale e civile”. Lo ha detto il presidente di Libera, Don Luigi Ciotti, a proposito dell’inchiesta sugli investimenti della ‘ndrangheta per l’acquisto del locale Cafe’ de Paris di via Veneto a Roma. Per Don Ciotti il fatto ”che un noto locale di Roma e’ in mano alla ‘ndrangheta non deve stupirci. Questa scoperta, dovuta al grande lavoro della Guardia di Finanza e delle Procure di Reggio Calabria e di Roma, e’ infatti l’ennesima riprova della forza di penetrazione delle mafie”. ”L’obiettivo delle cosche – ha proseguito il presidente di Libera – e’ da sempre fare affari, accumulare grandi quantita’ di denaro, e non deve sorprendere la loro presenza nelle zone dove e’ alta la possibilita’ d’investimento, come hanno anche dimostrato le recenti operazioni antimafia in Trentino ed Emilia Romagna”.(ANSA).