• Home / CITTA / Reggio Calabria / Montebello Jonico, bagarre sulle "bollette pazze"

    Montebello Jonico, bagarre sulle "bollette pazze"

    Continua la bagarre legata al pagamento del canone di depurazione, sorta in seguito all’emanazione, il  10 ottobre scorso, della  sentenza della Corte Costituzionale n.335/08 che ha dichiarato illegittima la normativa relativa all’obbligo di corresponsione del canone di depurazione anche per quei cittadini che non usufruiscono del servizio. Di fronte all’imbarazzante silenzio dell’amministrazione comunale, che fino ad oggi non ha rilasciato alcuna dichiarazione relativa a tempi e modalità dei rimborsi e degli sgravi che la sentenza presume, “I Tartassati di Saline” e il “Leone Sgrò” di Fossato Jonico, i due comitati civici che, unitamente all’associazioni “I Fossatesi nel Mondo”, Codacons e SPI – CGIL avevano seguito la problematica fin dall’inizio, hanno reso noto di aver organizzato due assemblee pubbliche durante le quali forniranno delucidazioni sugli sviluppi della questione. Ricordiamo che, per quanto riguarda il comune di Montebello Jonico, i malcontenti risalgono ad alcuni mesi fa quando la popolazione, ritenendosi vessata da richieste inique, aveva contestato la regolarità delle bollette del Servizio Idrico Integrato spingendosi, in alcuni casi, fino ad intentare vere e proprie azioni legali contro il comune. Alle riunioni, il cui svolgimento è previsto alle ore 17,30 di venerdì 21 c.m. presso Piazza Baraccamento a Saline e allo stesso orario del venerdì successivo presso Piazza Municipio a Fossato, oltre alla faccenda dei rimborsi legati al canone di depurazione, verrà affrontata la problematica sulle presunte irregolarità di tariffe, lettura dei contatori e quota relativa al servizio di fognatura che vede il comune ed i cittadini di Montebello Jonico impegnati in una doppia disputa giuridica davanti al Giudice di Pace di Melito Porto Salvo e alla Commissione Tributaria di Reggio Calabria. Sempre durante le stesse assemblee verrà trattato l’argomento della mancata convocazione del Consiglio Comunale richiesto dai cittadini in forza dell’art.39 dello statuto e che, secondo quanto si legge su un volantino diffuso dai “I Tartassati” , vede il sindaco di Montebello Jonico «sordo pure ai richiami prefettizi» opporsi con «presunzione e tracotanza» alla convocazione dello stesso.

    Fabio Macheda