• Home / CITTA / Reggio Calabria / Locri: "L'inclusione lavorativa e sociale di soggetti in esecuzione penale"

    Locri: "L'inclusione lavorativa e sociale di soggetti in esecuzione penale"

    Giovedì 27 novembre 2008 presso il salone del palazzo “Nieddu” di Locri alle ore 10,00 si terrà la Tavola rotonda “L’inclusione lavorativa e sociale di soggetti in esecuzione penale”. L’attività si svolge a conclusione del percorso di formazione promosso dal Centro di Servizi al volontariato Dei Due Mari di Reggio Calabria dal titolo “Rete per l’inclusione sociale dei soggetti provenienti da percorsi penali della Locride”.

    Si tratterà di un momento di riflessione sulle politiche e sulle pratiche che si pongono l’obiettivo di facilitare il reingresso nel contesto socio.economico delle persone che hanno scontano una pena. Il successo del percorso inclusivo si rivela importante non solo per il soggetto con trascorsi penali ma anche per il contesto locale, in quanto in questa maniera si riduce in modo significativo il triste fenomeno della recidiva e si ridà senso al valore educativo della pena.

    Di questo discuteranno, coordinati dalla criminologa Patrizia SURACE, il Direttore Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Reggio Calabria Mario NASONE, il Direttore della Cooperativa Sociale Promidea Piero CAROLEO, Salvatore ORLANDO Autorità di Gestione Fondi Comunitari, Vincenzo LINARELLO Presidente del Consorzio GOEL, Piero SCHIRRIPA Presidente della Cooperativa Valle del Bonamico, Carmela SANTO Presidente della Cooperativa sociale MISTYA, Carmela ZAVATTIERI Direttore della Caritas diocesana Locri-Gerace, Don Giuseppe GIOVINAZZO Presidente dell’Associazione Nuova evangelizzazione Locri, Giovanni CALABRESE Assessore Politiche Sociali Comune di Locri e Attilio TUCCI Assessore Politiche sociali Provincia di Reggio Calabria.

    Durante il lavori saranno presentati i risultati del progetto “Aurora” promosso dal Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria, gestito dalla cooperativa sociale Promidea e finanziato dalla Cassa delle ammende per attività di inserimento in contesti lavorativi di soggetti che hanno beneficiato del provvedimento di indulto.