• Home / CITTA / Reggio Calabria / Fossato: secondo incontro dei comitati civici

    Fossato: secondo incontro dei comitati civici

    Bollette pazze, ma non solo, per il secondo incontro pubblico promosso dai  comitati civici “Leone Sgrò di Fossato” e “I Tartassati di Saline”. Organizzata dai due comitati, unitamente alle associazioni “I Fossatesi nel Mondo” e Codacons e al sindacato SPI – CGIL, l’assemblea di ieri segue l’analoga iniziativa tenutasi la settimana scorsa a Saline Joniche. La questione “bollette pazze” era nata alcuni mesi addietro in seguito all’invio, da parte del comune, di alcune richieste di pagamento che, ritenute inique avevano indotto i cittadini a clamorose proteste, sfociate, in molti casi, in vere e proprie azioni legali contro l’ente locale. Durante l’iniziativa, ospitata nella sede de “I Fossatesi nel Mondo”, l’avvocato Mario La Bella, responsabile provinciale Codacons, ha annunciato di essere stato contattato dal sindaco Loris Nisi che ha proposto di avviare un tavolo di concertazione per discutere l’argomento alla luce di una recente sentenza della Corte Costituzionale che ha reso illegittima la richiesta del canone di fognatura e depurazione per quei cittadini che non usufruiscono del servizio. Rimborsi del canone di depurazione e fognatura, presunte irregolarità nelle tariffe per il consumo di acqua potabile e nella lettura dei contatori, comunque, non sono state le uniche tematiche trattate nella partecipata assemblea. Infatti, dopo aver aggiornato i presenti sull’evolvere della situazione, l’avvocato La Bella ha affrontato due interessanti tematiche emerse ultimamente e riguardanti la TARSU (tassa per i rifiuti solidi urbani), per la quale alla luce di una recente sentenza di Cassazione non deve essere pagata l’IVA, e i versamenti richiesti dal Consorzio di Bonifica per miglioramento fondiario che, secondo un’altra sentenza, sarebbero dovuti solo in caso di effettive e dimostrate migliorie del fondo. Diversi enti, quindi, rischiano di essere investiti da una valanga di azioni risarcitorie che promettono di riportare nelle tasche dei consumatori il maltolto.

     

    Fabio Macheda