• Home / CITTA / Reggio Calabria / Ardore: rapinatore in manette

    Ardore: rapinatore in manette

    ARDORE (RC), MILITARI  DIPENDENTE STAZIONE, IN ESECUZIONE  ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE EMESSA IN DATA ODIERNA DAL G.I.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI LOCRI, SU RICHIESTA DELLA LOCALE PROCURA, CHE CONCORDAVA PIENAMENTE CON LE RISULTANZE INVESTIGATIVE RAPPORTATE DAI CARABINIERI, TRAEVANO IN ARRESTO  NAPOLI ANTONIO, CL. `82, RESIDENTE AD ARDORE (RC), COMMERCIANTE,  IN QUANTO RITENUTO RESPONSABILE DELLA RAPINA PLURIAGGRAVATA SOTTO DESCRITTA IN CONCORSO CON ALTRI NON IDENTIFICATI. L´ARRESTATO, ESPLETATE  FORMALITA’ DI RITO,  ASSOCIATO CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI (RC) A DISPOSIZIONE DALL’A.G. MANDANTE. TUTTO COMINCIA QUANDO IL 4 NOV SCORSO, ALLE ORE 14.30 CIRCA, IN ARDORE (RC), KOSSENKO OLGA, 1976, RESIDENTE AD ARDORE, LETTORE UNIVERSITARIO, DENUNCIAVA PRESSO LA DIPENDENTE STAZIONE  CHE,  ALLE PRECEDENTI ORE 12.30 CIRCA, TRE INDIVIDUI A VOLTO COPERTO, DI CUI UNO ARMATO DI PISTOLA, RIUSCIVANO AD ENTRARE ALL’INTERNO DELLA SUA ABITAZIONE E, DOPO AVERLA IMBAVAGLIATA CON NASTRO ADESIVO DA IMBALLAGGIO, INIZIAVANO A ROVISTARE TUTTA LA CASA, ASPORTANDO TRE PAIA DI ORECCHINI DI ORO GIALLO E BIANCO,  UN BRACCIALETTO DA DONNA IN ORO GIALLO, DUE FEDI NUZIALI, DUE ANELLI IN ORO ROSA, DI CUI UNO ANTICO, UNA COLLANA IN ORO GIALLO ED UN TELEFONINO MARCA SAMSUNG MODELLO SGH-E250. I TRE MALVIVENTI, CHE PARLAVANO ITALIANO CON INFLESSIONE DIALETTALE LOCALE, SI ALLONTANAVANO SUCCESSIVAMENTE A PIEDI PER LE VIE CIRCOSTANTI. DANNO QUANTIFICABILE IN  2.000 (DUEMILA) EURO CIRCA.