• Home / CALABRIA / Sapia (Alternativa c’è) sulla sanità pubblica nel Crotonese, “troppe criticità, utenti e pazienti abbandonati”

    Sapia (Alternativa c’è) sulla sanità pubblica nel Crotonese, “troppe criticità, utenti e pazienti abbandonati”

    Il deputato Francesco Sapia ha interrogato il ministro della Salute a proposito dei problemi di vaccinazione dei soggetti fragili nella provincia di Crotone e della carenza di ambulanze, spazi, personale sanitario e guardie mediche nel medesimo territorio. Ne dà notizia, in una nota, lo stesso deputato della commissione Sanità, espulso dal gruppo del Movimento 5 Stelle e ora iscritto alla componente Alternativa c’è.

    «Il Crotonese e la sua gente – osserva Sapia – non possono essere dimenticati, abbandonati. Con le vaccinazioni bisogna proteggere i soggetti più vulnerabili, che vanno aiutati a prenotare al più presto, anche perché per diversi di loro mancherebbero i codici specifici nella piattaforma digitale. Nel merito è importante agire in fretta, vanno tutelati con risolutezza. Occorre inoltre potenziare l’assistenza territoriale, perché Crotone non può essere ancora trattata come provincia di serie C». «In quanto alla situazione dell’ospedale crotonese – prosegue il parlamentare di Alternativa c’è – si registra diffuso silenzio su molti aspetti. Gino Strada ed Emergency sono andati via senza troppi ricordi. Inoltre con la vicenda del Covid la Chirurgia ha ridotto l’attività al minimo. Chi se n’è accorto? I bandi per la selezione di più primari ospedalieri sono stati riaperti, come se non vi fosse l’urgenza di avere queste figure essenziali. I pazienti oncologici – continua il deputato – vengono trasferiti altrove per importanti interventi e questo non sembra preoccupare i vertici dell’Asp di Crotone, che preferiscono attendere tempi migliori, stando alle loro scelte. Così a farne le spese sono i pazienti e gli utenti, che hanno due possibilità: arrangiarsi o aspettare il corso degli eventi». «Mi auguro – conclude Sapia – che la mia iniziativa scuota il ministro Roberto Speranza e gli rammenti che in Italia esiste anche Crotone, tra le realtà sanitarie più bisognose di risposte immediate».