• Home / CITTA / Crotone / Crotone: Perciasepe nuovo coordinatore della CdD

    Crotone: Perciasepe nuovo coordinatore della CdD

    Luigi Perciasepe, architetto di Belvedere Spinello, è il nuovo coordinatore della CdD per i comuni di Belvedere Spinello e Rocca di Neto. In un incontro del coordinamento provinciale, Nicodemo Carluccio e Antonio Samà hanno annunciato la nomina del

    professionista a responsabile nei due comuni del crotonese,  incaricato di costituire i due  direttivi comunali della CdD  che sta riorganizzando tutta la rete dei coordinatori zonali per  poi ristrutturare gli organi provinciali in un’assemblea che si terrà nel prossimo autunno.

    Perciasepe è  un uomo con una lunga esperienza politica nell’ambito dei movimenti della sinistra calabrese che ha condiviso in toto la linea politica autonomista portata avanti dalla Compagnia dei Democratici che prima ancora delle ideologie guarda alle cose da fare in  un territorio che vive gravissime emergenze, in primis la mancanza di lavoro che è divenuta  ormai una vera piaga sociale. Negli anni 90 è stato tesserato per alcuni anni nel PDS di Crotone, successivamente, trasferitosi a Firenze per motivi di lavoro, non condividendo la politica “ad  escludere   del PDS  Crotonese  ha preferito aspettare  prima di impegnarsi  e di conoscere meglio gli orientamenti della politica  sia nel crotonese che  a livello regionale e nazionale. In una sua dichiarazione rilasciata a termine dell’incontro, ha ribadito che “ non condivide la corsa alla politica come privilegio personale e quindi l’essere eletto nella maggioranza o nell’opposizione solo pensando al proprio tornaconto. Convinto che la politica deve tenere fede ai programmi di sviluppo del territorio, in relazione ai programmi nazionali ed europei, è estremamente convinto che   il meridione possa svilupparsi , sia da un punto di vista urbanistico, delle infrastrutture, della sanità , del turismo, dell’artigianato, della piccola industria, nel grande rispetto dell’ambiente. Il tutto per creare una società in cui il lavoro  possa essere accessibile a tutti, perché  è inconcepibile che  le occasioni di lavoro siano  un privilegio di pochi, tant’è che sono utilizzate come strumento di scambio per ottenere consensi elettorali.  Non è corretto che i nostri  uomini politici   continuano a tenere legati a questa o a quella corrente politica le persone, con la promessa di un posto di lavoro. Purtroppo, in Calabria, spesso la politica non crea volutamente sviluppo proprio per poter tenere in uno stato di sudditanza soprattutto le classi sociali più deboli. Nella Compagnia dei Democratici ritengo di avere trovato l’ambiente giusto per poter fare politica fuori da  queste logiche perverse“. All’incontro era presente anche il capogruppo in Consiglio provinciale dellCdD ,On. Salvatore Lucà, che ha manifestato la sua soddisfazione per l’adesione di una personalità la cui esperienza, professionalità e onestà intellettuale sicuramente contribuiranno a far crescere il nostro movimento che ha l’ambizione a trasformarsi da gruppo politico provinciale in regionale.