• Home / CITTA / Cosenza / “Premio Wilde” – La Calabria è rappresentata da 5 finalisti

    “Premio Wilde” – La Calabria è rappresentata da 5 finalisti

    Poco più di un mese al 22 ottobre 2022, è questa la data fissata per l’evento di finale della
    XV edizione del concorso Europeo di poesia “Premio Wilde”. Come avvenuto per la scorsa edizione,
    l’evento si svolgerà dove è nato, nel cuore del Piemonte. Vercelli lavora a fianco della presidenza
    della Dreams perché si possa ripetere lo scintillio di cultura visto nel 2021, nella stessa meravigliosa
    struttura della “Sala S.O.M.S” di via Francesco Borgogna 34 a Vercelli.

    In questa edizione rappresenterà la Regione Calabria: Sandro Scalercio (Cosenza) con l’opera
    Tessere la vita – sezione Over, Maria Diotti (Soresina (CR)) con l’opera Trilogy – sezione Over,
    Jolanda Tirotta (Bivongi (RC)) con l’opera Sgomento di un saggio sezione Over, Adriana
    Nisticò (Satriano (CZ)) con l’opera Perseide – sezione Over e Alfredo Sconza (Amantea (CS)) con
    l’opera OH mia luna – sezione Over.
    Sono tante le novità annunciate dagli organizzatori. Già da qualche mese circolano alcuni nomi che
    onoreranno l’evento con la loro presenza. A quanti già menzionati tra le nomination dei Vip Europea
    Awards, che, come d’abitudine, verranno consegnati durante l’evento di finale, sono da qualche
    giorno pubblici anche gli autorevoli nominativi degli autori che si sono aggiudicati la presenza alla
    semifinale.
    È prassi consolidata che siano gli stessi autori a decantare la loro opera davanti alla terza
    commissione di giuria. Il programma di fondo manterrà la struttura delle sue origini consentendo la
    lettura delle liriche alle quali si alterneranno interventi di pregio di quanti saranno gli ospiti
    intervenuti. “E’ con immenso onore” annuncia Daniele Cappa, presidente della Dreams
    Entertainment e della macchina della Cultura rappresentata da Wilde, “dare comunicazione di
    assegnazione di due Vip European Awards 2022 agli artisti Roberto Turatti, grande produttore
    musicale, tra i fondatori dei Decibel e scopritore dell’immenso Enrico Ruggeri e produttore dei più
    grandi successi delle italodance; e il maestro Lorenzo Maria Bottari, tra i maggiori rappresentanti
    della pittura italiana nel mondo”.
    Non mancheranno esponenti della politica e dell’istruzione a presenziare l’evento. “Non possiamo
    dare nominativi visto l’arco elettorale in cui ci troviamo” commenta Piero Sardo Viscuglia,
    cofondatore del Premio più atteso dell’anno, “ma possiamo annunciare che saranno presenti
    esponenti in rappresentanza del senato della Repubblica, come avvenuto nella passata edizione con
    la ragguardevole presenza dell’ex ministro all’istruzione”. Stretto riserbo viene mantenuto anche
    sui nominativi dei membri di giuria che solo alle aperture dell’evento di “Finale” verranno svelati, è chiarita la sola appartenenza al mondo della cultura degli stessi autorevoli giurati che comporranno
    la terza commissione di giuria.
    Non mancheranno i tanti i volti storici che affiancano da anni la struttura del Wilde. Da oltre un
    decennio l’evento Wilde riceve l’alto patrocinio dell’Osservatorio Parlamentare Europeo e del
    Consiglio d’Europa, nonché la presenza dell’AUGE Accademia Universitaria di Studi Giuridici Europei
    e le partnership culturale con il Menotti Art Festival di Spoleto, il quotidiano La Notte, Skup
    Magazine e la rivista Giovani Europei. A testimonianza che la cultura non si ferma solo a un evento
    ma ha un corollario di addetti ai lavori sempre presenti a darne voce.
    Appuntamento, dunque, al 22 ottobre 2022. Come da programma consolidato da anni, le porte della
    Sala S.O.M.S. si apriranno alle 15.00 per riaccendere le luci sul traguardo delle quindici candeline di
    un premio che è diventato patrimonio della cultura internazionale, punta di diamante del
    programma “Cultura Europa” che stimola la contaminazione delle idee grazie all’incontro tra gli
    autori proveniente da tutta Italia e faro di speranza per un confronto agguerrito ma solo in ambito
    letterario. L’ingresso è libero e gratuito fino ad esaurimento posti disponibili.