• Home / CALABRIA / Ospedale di Cariati, appello di Sapia (Alternativa) al Consiglio regionale

    Ospedale di Cariati, appello di Sapia (Alternativa) al Consiglio regionale

    «I cariatesi vogliono la riapertura del loro ospedale, che non può essere trasformato in struttura comunitaria a bassa intensità di cure e a gestione prevalentemente infermieristica. Cariati ha subito un vero e proprio scippo, cui va posto rimedio ripristinando l’ospedale come era prima dell’infausta chiusura imposta dall’Agenas. In sostanza, nella rete regionale dell’assistenza va reinserito al più presto il nosocomio in questione». È perentorio il deputato di Alternativa Francesco Sapia, che stamani, presso l’ospedale di Cariati, ha incontrato ancora una volta gli esponenti dell’associazione Le Lampare e gli altri cittadini che da tempo manifestano per la riattivazione del presidio ospedaliero locale. «L’ospedale di Cariati – spiega il deputato di Alternativa, che alla Camera siede nella competente commissione Affari sociali – è diventato il simbolo dell’affossamento della sanità pubblica calabrese, vittima di una logica governativa basata su tagli lineari micidiali, su parametri tecnici che calpestano le esigenze dei singoli territori e su dinamiche di pura speculazione di fronte alla debolezza del sistema sanitario regionale. Dopo le posizioni assunte da Rogers Waters e Horacio Duran, cui, sono convinto, seguiranno quelle di altri artisti e personaggi famosi, questo – sottolinea il deputato di Alternativa è il momento migliore per alimentare e ampliare la battaglia, anche alla luce della disponibilità al confronto espressa di recente dal commissario ad acta Roberto Occhiuto». «Anche il Consiglio regionale deve avere una voce sola al riguardo e unirsi in questa lotta di civiltà e di diritto, posto – conclude Sapiache il Piano nazionale di ripresa e resilienza prevede la creazione di ospedali di comunità che, per diversi territori della Calabria, a partire da Cariati, non rappresentano affatto una soluzione ai bisogni dei cittadini, cui servono risposte immediate e complete direttamente sul posto».