• Home / CITTA / Cosenza / San Giovanni in Fiore: inaugurata la biblioteca comunale con bambini della Dante Alighieri

    San Giovanni in Fiore: inaugurata la biblioteca comunale con bambini della Dante Alighieri

    Si è tenuta nel pomeriggio del 21 ottobre l’inaugurazione della
    biblioteca comunale di San Giovanni in Fiore, riaperta al pubblico dopo
    una completa risistemazione degli esterni e degli interni, alcuni
    dedicati soltanto ai bambini, e un ampliamento della dotazione libraria
    grazie a fondi ministeriali. All’iniziativa hanno partecipato gli
    alunni della classe III A della scuola elementare Dante Alighieri, che
    insieme alle maestre Antonietta Urso e Rosalba Fabiano hanno esposto
    cartelloni e lavori creativi con loro pensieri sul valore della
    lettura, della cultura, del sapere e della conoscenza. La sindaca
    Succurro ha ringraziato i bambini, i dirigenti e gli insegnanti della
    scuola, la giunta, il presidente del Consiglio comunale e
    l’amministrazione del municipio, le istituzioni civili presenti e il
    parroco della chiesa di Santa Lucia, don Daniele Mileto, che ha
    benedetto la biblioteca. L’inaugurazione, accompagnata
    dall’esecuzione di brani musicali al flauto da parte della maestra
    Giusy Sportini, della locale banda Paideia, è terminata con una lectio
    magistralis on line del filosofo italiano Alfonso Maurizio Iacono, già
    preside della facoltà di Filosofia dell’Università di Pisa, che ha
    parlato della storia del libro, della nascita delle biblioteche e
    dell’importanza che esse hanno, soprattutto nella fase attuale della
    pandemia, per la crescita delle comunità territoriali e la formazione
    della capacità e dell’autonomia di giudizio. «Siamo contenti di
    questo appuntamento, cui ne seguiranno molti altri, anche grazie
    all’impegno dell’assessore comunale alla Cultura, Patrizia Carbone.
    Abbiamo in programma un folto programma di incontri, di dibattiti, di
    presentazioni di libri e di iniziative dedicate ai bambini, con
    l’obiettivo, anche aprendo la biblioteca nelle ore serali, di creare
    l’alternativa alla televisione e ai social. Lo sviluppo civile,
    culturale ed economico parte – conclude la sindaca Succurro –
    dall’attenzione per i più piccoli e dall’investimento di risorse
    ed energie a favore della conoscenza».